Exspectans Ver «In Limine» (2018)

Exspectans Ver ĢIn Limineģ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
03.06.2018

 

Visualizzazioni:
239

 

Band:
Exspectans Ver
[MetalWave] Invia una email a Exspectans Ver [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Exspectans Ver [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Exspectans Ver

 

Titolo:
In Limine

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Donato Curtotti :: Voce;
- Davide Mighali :: Chitarra;
- Jacopo Cenni :: Chitarra;
- Alessandro Aprea :: Basso;

 

Genere:
Melodic Hardcore

 

Durata:
19' 11"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
20.04.2018

 

Etichetta:
Seahorse Recordings
[MetalWave] Invia una email a Seahorse Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Seahorse Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Seahorse Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Seahorse Recordings
New Model Label
[MetalWave] Invia una email a New Model Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di New Model Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di New Model Label

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Band dalla caratteristiche New Wave questa dei toscani Expectans Ver che con questo “In Limine”, un Ep della durata inferiore ai venti minuti di ascolto, ci presenta i suoi cinque brani dove si alternano melodie e passaggi acustici particolarmente morbidi. Il clean di tanto in tanto presenta delle caratteristiche più espressive che danno al sound quel tocco dalla caratteristiche più mordenti e tenaci che non guasta affatto. L’impronta più cattiva della band si manifesta attraverso quell’alternanza ritmica tra passaggi moderati e dolci con la durezza hardcore punk, entrambe sempre proposte su un velo melodico delicato ed eterogeneo. Quanto predetto, fa di questo disco un vero e proprio concentrato di energia che rende il tutto apprezzabile sia per la dose di convinzione che per un’inedita aggressività controllata con cui la band ci dà il ben servito.

Track by Track
  1. Overture 65
  2. Empfindsamkeit 70
  3. How I Hate My Brother 70
  4. Dry Tongue 65
  5. Wide - Awake 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 03.06.2018. Articolo letto 239 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.