Aevum «Dischronia» (2017)

Aevum «Dischronia» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
01.04.2017

 

Visualizzazioni:
637

 

Band:
Aevum
[MetalWave] Invia una email a Aevum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Aevum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Aevum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Aevum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Aevum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Aevum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Aevum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Aevum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Aevum

 

Titolo:
Dischronia

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
HYDRA: Male voice, scream & growl;
LUCILLE NIGHTSHADE: Female Voice;
LORD OF DESTRUCTION: Guitar;
EMANUEL LA CROIX: Guitar;
IAN: Synth music, keyboard & effects;
RICHARD: Pianist & harsh voices;
PAUL GREY HUNTER: Bass;
MATT: Drums;

 

Genere:
Gothic Metal

 

Durata:
1h 2' 25"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
17.03.2017

 

Etichetta:
Maple Metal Records
[MetalWave] Invia una email a Maple Metal Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Maple Metal Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Maple Metal Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Maple Metal Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Un progetto a dir poco imponente quello degli Aevum, band che si riaffaccia con rinnovata energia dopo tre anni dal precedente Impressions.
Partiamo dal presupposto che, se state cercando musica "facile" e non troppo impegnatva, Dischronia non fa per voi.
In questo nuovo album, infatti, troviamo una mole di lavoro piuttosto importante, quindi un gothic che potrebbe essere tosto da ascoltare tutto d'un fiato.
Abbiamo tredici songs, ma escludendo parti introduttive e le due bonus track, di fatto diventano nove, un numero adeguato al genere.
Sì, perché il gothic/symphonic può essere orecchiabile per molti versi, ma spesso la tendenza è quella di fare canzoni molto lunghe, a volte prolisse.
Nel caso degli Aevum, ritengo abbiano fatto un'opera talmente ricca e intensa che rischio di perdermi.
Al di là del fatto che trovo sempre interessante la voce operistica e l'interpretazione di cantanti come Lucille; di sicuro, Hydra sa tenere testa e fa valere anche la sua parte con tecnica e passione.
Le melodie sono complesse, elaborate e intense. A tratti, mi hanno ricordato i Nightwish di Tarja Turunen, quando si incappava in elementi di follia misti a pura poesia.
L'aspetto che mi ha colpita maggiormente è che i ragazzi siano riusciti a trovare un equilibrio notevole tra elementi folk, sinfonici, gothic e moderni, a tratti dark.
Anche per questo, qui il talento è certo e indiscutibile.
Detto questo, arriviamo al nocciolo della questione: vale o non vale?
Risponderò brevemente.
Non amo dare "un voto" a lavori così forti perché mi sembra sempre di sminuire il tutto, tuttavia ho dovuto contenere il mio entusiasmo perché credo che il genere degli Aevum sia cool, come la loro immagine, ma forse tanto elaborato (troppo?).
A me, personalmente, sono piaciuti, credo molto nelle loro grandi capacità, ma bisogna fare molta attenzione a non accostarsi, involontariamente, ad altre bands già attive da anni.
Questo è l'unico aspetto su cui farei un pelo attenzione, ma per il resto, agli amanti del genere Dischroia non potrà che piacere profondamente.

Track by Track
  1. Sturm und Drang S.V.
  2. Death of the virgin 75
  3. The vitruviam condition 75
  4. Winterreise S.V.
  5. Beltade 75
  6. Inner fire 75
  7. The elements 75
  8. Memento mori 75
  9. Lord of dreams 75
  10. Inferno blu 75
  11. Sleeping venus tarantella 75
  12. Aremu rindineddha (Bonus track) 75
  13. The elements English version (Bonus track) 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
76

 

Recensione di reira » pubblicata il 01.04.2017. Articolo letto 637 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.