Skeletoon «The Curse of the Avenger» (2016)

Skeletoon «The Curse Of The Avenger» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
11.06.2016

 

Visualizzazioni:
701

 

Band:
Skeletoon
[MetalWave] Invia una email a Skeletoon [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Skeletoon [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Skeletoon

 

Titolo:
The Curse of the Avenger

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Tomi Fooler :: Vocals, Bass
Dimitri Meloni :: All Guitars
Gabriele Caselli :: Piano
Enrico Sidoti :: Drums

 

Genere:
Power Metal

 

Durata:
35' 59"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
22.01.2016

 

Etichetta:
Revalve Records
[MetalWave] Invia una email a Revalve Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Revalve Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Revalve Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

SkeleToon. Con la T maiuscola. E già qui capisci un po’ di cose, che si concretizzano quando questo “Curse of the Avenger” definito Happy Heavy Metal. Una band demenziale, quindi? No, solo una band che nei testi non va ad imparanoiarsi, il che è positivo.
Ora, sembra evidente che la band non chiede molto all’ascoltatore se non di intrattenere in maniera tranquilla per 36 minuti con la propria musica dall’originalità discreta e tutto sommato facile da sentire, dove gli assoli ci sono e la voce è alta, ma fortunatamente i brani non vanno a somigliare a delle sigle da cartone animato manga, ne siano un esempio l’allegra e veloce “Heavy Metal Dreamers”, speedy e gradevole, o la meno melodica “Joker’s Turn”, nonché la title track. Tuttavia, se gli SkeleToon non scadono nel pacchiano, scadono invece un po’ nel già sentito, finendo per fare un album onesto ma anche già sentito e che potrebbe essere reputato da qualcuno “la solita cosa” proprio per la scarsa innovazione musicale. In effetti a volte si sente un po’ quel feeling di “carino” detto con sufficienza durante l’ascolto dell’album, e questo è un difetto.
In conclusione: alla fine, apprezziamo il primo sforzo discografico degli SkeleToon, i quali non avendo fatto dei demo comunque possono migliorare il futuro, ma il cd lascia anche un po’ il tempo che trova e fatico a sentirlo longevo.

Track by Track
  1. Timelord 65
  2. What I want 65
  3. Heroes don’t complain 70
  4. Hymn to the moon 65
  5. The curse of the avenger 70
  6. Bad lover 70
  7. Joker’s Turn 70
  8. Heavy metal dreamers 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 11.06.2016. Articolo letto 701 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.