Game Over «Crimes Against Reality» (2016)

Game Over «Crimes Against Reality» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
31.03.2016

 

Visualizzazioni:
1195

 

Band:
Game Over
[MetalWave] Invia una email a Game Over [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Game Over [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Game Over

 

Titolo:
Crimes Against Reality

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Reno :: Bass, Vocals;
- Ziro :: Guitar;
- Sanso :: Guitar;
- Vender :: Drums;

 

Genere:
Thrash Metal

 

Durata:
39' 8"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
15.04.2016

 

Etichetta:
Scarlet Records
[MetalWave] Invia una email a Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Scarlet Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Game Over sono una di quelle poche realtà appartenenti al panorama thrash metal nazionale che in pochissimo tempo ma grazie soprattutto alla voglia di fare, è riuscita a guadagnarsi dei posti di tutto rispetto sia nelle classifiche che soprattutto in numerosi palchi europei. La risposta a questo incredibile riscontro è stata inizialmente data con l’ottimo, precedente nonché secondo lavoro della band intitolato Burst into the Quiet. Oggi, a distanza di non molto tempo, ci troviamo di fronte al terzo lavoro della band intitolato “Crimes Against Reality”, un lavoro dai contenuti assolutamente originali e allo stesso tempo molto legato alla vecchia scuola Thrash Metal con in più un sound moderno dall’impatto micidiale. Ciò che sorprende è anche la presenza nelle dieci tracce di arrangiamenti e strutture musicali assolutamente inedite alle orecchie di chi ascolta; riff estremamente aggressivi, refrain di chitarra a non finire, gradevoli contesti acustici caratteristici del passato ed un lavoro dietro le pelli incredibilmente tecnico e prudente, rappresentano i punti di forza di questo potente macigno thrash targato Game Over. Si parte con un intro acustico intitolato “What Lies Within” su una leggera base moderata pronta ad accendersi per la successiva “33 Park Street”, un concentrato di puro thrash composto da una ritmica di batteria incredibilmente compatta e riff di chitarra serrati come macigni dai contenuti subito convincenti; non è da meno neanche la successiva “Neon Maniacs”, altro brano estremamente intenso nei contenuti, riff di portata eccellente vengono coadiuvati nella loro realizzazione da una ritmica sensazionale e da un apparato vocale ben disposto; nuova apertura acustica con lead solo annesso ci viene presentato da “With All that with Left”, un brano dai contenuti più moderati dei precedenti ma sempre di elevato contenuto e curato in ogni minimo dettaglio; “Astral Matter” vede l’applicazione nel sound introduttivo di un effetto sonoro particolare che di seguito sprigiona un riff accattivante nei contenuti, preciso e d’effetto; all’interno del brano non mancano refrain ed intensi lead solo dai contenuti straordinariamente accattivanti; la ritmica risulta sempre elasticizzata e di notevole impatto; è poi la volta di una sorta di intermezzo “Fugue in D Minor” aggressivo quanto potente nella sua parte introduttiva poi conclusosi addirittura con un sorta di hammond in modalità clavicembalo che va ad anticipare i successivi “Just a little Victory” che per modalità un po’ ci ricorda i primissimi Testament della Bay Area e “Gates of Ishtar” dalle andature quasi estremizzate ma dai contenuti sempre all’altezza della situazione. E’ poi la volta di “Crimes Aginst Reality”, brano più lungo del platter che diverte l’ascoltatore sin dalle sue prime battute proprio per il tecnicismo e la rimbalzante ritmica che lo caratterizza sino alla fine; “Fix Your Brain”, altro incredibile brano ricco di inventiva e dalle ritmiche assolutamente travolgenti. Rispetto al precedente lavoro possiamo tranquillamente elogiare anche questo “Crimes Against Reality”, un lavoro ben fatto sotto ogni punto di vista da ascoltare a tutti i costi e che consiglio agli amanti del vero Thrash Metal.

Track by Track
  1. What Lies Within 75
  2. 33 Park Street 80
  3. Neon Maniacs 80
  4. With All that with Left 85
  5. Astral Matter 80
  6. Fugue in D Minor 75
  7. Just a little Victory 80
  8. Gates of Ishtar 85
  9. Crimes Aginst Reality 80
  10. Fix Your Brain 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 31.03.2016. Articolo letto 1195 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.