Gyze «Black Bride» (2015)

Gyze «Black Bride» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
27.10.2015

 

Visualizzazioni:
877

 

Band:
Gyze
[MetalWave] Invia una email a Gyze [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Gyze [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Gyze [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Gyze [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Gyze [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Gyze

 

Titolo:
Black Bride

 

Nazione:
Giappone

 

Formazione:
Ryoji :: Guitars, vocals, keyboards
Shuji :: Drums
Aruta :: Bass, vocals

 

Genere:
Melodic Death Metal

 

Durata:
1h 0' 5"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
09.06.2015

 

Etichetta:
Coroner Records
[MetalWave] Invia una email a Coroner Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Coroner Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Coroner Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Coroner Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Coroner Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Coroner Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Comunque si guardi a questo secondo album dei Gyze, giapponesi da Tokyo, non si può negare un dato di fatto: ai giapponesi piacciono le cose esasperate, prendere uno stato d’animo o una determinata caratteristica musicale e ribadirla insistentemente, intensificarla fino allo sfinimento, e “Black Bride” è tutto fuorché un’eccezione.
Presentato come Melodic Death Metal, i Gyze sono in realtà una band che si muove nei lidi sonori delineati dai Children of Bodom, ma aggiungeteci una voce quasi sempre urlata (anche nei ritornelli) stile Soilwork, e una spiccata tendenza Power/Speed Metal, il tutto ripetuto oltre l’eccesso per un’ora tonda di musica che sarà anche poco originale, pompata e magari anche iper prodotta, ma che convince, e che riesce nel mirabile tentativo di suonare fresca e differenziata benché sempre potente e sopra le righe, nonché con le due anime melodic death e power/speed legate benissimo. “In Grief” infatti è un brano corale e con una chitarra solista molto barocca e neoclassica, ma invero riuscita, che si differenzia da una title track più orecchiabile, e a tratti l’equilibrio si sposta più sul melodic death in brani come “Honesty”, o sul Power/Speed scavezzacollo di “Black Shadow”, passando poi per i brani più metal classico come “Insane Brain” e “Winter Breath” davvero notevoli, dove la tastiera dell’incredibilmente talentuoso Rioji sa come ricavarsi il proprio spazio. E come se non bastasse, c’è anche la canzone più tipicamente per il pubblico giapponese, questa “Nanohana” che per me suona più da “sigla di cartone animato giapponese”, ma che ho apprezzato in quanto non fa altro che rendere il cd ancora più completo e dal songwriting fornito.
Occorre ricordare che comunque alcune caratteristiche potrebbero dissuadere una certa fascia di ascoltatori di questo genere musicale: anzitutto, l’album è come detto intenso ed esasperato, il che vuol dire che è pieno di note fino all’inverosimile, pochi sono i momenti lineari e che mettono da parte la pomposità, e anche che l’album è molto in stile metal moderno, e quindi molto lontano da qualsiasi concetto di old school. Detto questo, i Gyze ci sanno fare secondo me. Certo, si tratta come detto di una proposta forse non originale, ma invero fatta benissimo, con una tecnica notevolissima e strabordante, e che è tranquillamente consigliabile sia agli amanti dei riff a chitarra sdoppiata del melodic death, sia soprattutto agli amanti del Power/Speed contaminato dal metal estremo alla Children of Bodom. Se questo è ciò che musicalmente vi stimola, i Gyze sono una band a cui consiglio caldamente un ascolto. Chi invece non ne è interessato, passi pure avanti.

Track by Track
  1. Black Bride 75
  2. In grief 80
  3. Honesty 80
  4. Insane Brain 80
  5. Black Shadow 80
  6. Winter Breath 85
  7. Twilight 75
  8. Satanic loop 80
  9. Nanohana 80
  10. Julius 75
  11. Asuhenohikari (Intermezzo) S.V.
  12. Gnosis 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 27.10.2015. Articolo letto 877 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.