Freedoms Reign «Freedoms Reign» (2013)

Freedoms Reign «Freedoms Reign» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
04.01.2015

 

Visualizzazioni:
546

 

Band:
Freedoms Reign
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Freedoms Reign [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Freedoms Reign

 

Titolo:
Freedoms Reign

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
Mike Jones :: Bass
Chris Judge :: Drums
Tom Vumback :: Guitars
Victor Arduini :: Vocals, Guitars

 

Genere:
Metal / Rock

 

Durata:
46' 58"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
10.05.2013

 

Etichetta:
Cruz del Sur Music
[MetalWave] Invia una email a Cruz del Sur Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cruz del Sur Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Cruz del Sur Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Cruz del Sur Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Cruz del Sur Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Disco di debutto per i Freedoms Reign, band dal Connecticut e rilascia il suo primo album per la nostrana Cruz del Sur Music, label specializzata per sonorità classiche ma non troppo 80ies e soprattutto con la propria personalità.
Che dire: anche in questo caso questa label si fa notare per il proprio buon gusto, visto che questo album auto intitolato sarà magari anche un po’ classico e che non porta molto di nuovo, ma che invero riesce ad essere gradevole, scorrevolissimo e molto appassionante, perfettamente barcamenato tra un heavy metal iniziale e un robusto rock n roll alla black sabbath nella seconda parte. È per questo motivo che canzoni come l’opener “Ritual” vi appassioneranno per la potenza del ritmo e per un buon incedere alla Iron Maiden nella seconda parte del brano, o nei riffs sfacciati e diretti di “Believe”, contrapposti all’andamento alla Black Sabbath di brani come “Shadows of a doubt” o soprattutto “No excuses”, che arriva quasi a essere un tributo a “Symptom of the universe” pur se dotata di un ritornello molto più corale. In generale è positivo l’arrangiamento della chitarra solista, che invece di abbandonarsi a dei lavori al fulmicotone, cesella le varie parti dei brani dandoci così un lavoro sopraffino e preciso nei dettagli, evidente nella canzone di chiusura “Looking around”.
In conclusione: non sarà un album storico, ma più di una volta lo metterete in macchina e ne sarete soddisfatti e ne apprezzerete l’estrema spontaneità e genuinità. Proprio come una ragazza tranquilla e simpatica. Non sarà chissà quanto una cosa propria in quanto a mentalità, ma risulterà molto facile da apprezzare. Lo stesso è per questo cd, che consiglio davvero a chi cerca un disco genuino rock/metal classico.

Track by Track
  1. Ritual 75
  2. Shadows of a doubt 75
  3. Brother 80
  4. Believe 80
  5. Up from down 80
  6. To be 75
  7. No excuses 75
  8. Long way 75
  9. Looking around 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 04.01.2015. Articolo letto 546 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.