Ghost B.C. «If You Have Ghost» (2013)

Ghost B.c. «If You Have Ghost» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
09.05.2014

 

Visualizzazioni:
956

 

Band:
Ghost B.C.
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ghost B.C. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ghost B.C. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Ghost B.C. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Ghost B.C.

 

Titolo:
If You Have Ghost

 

Nazione:
Svezia

 

Formazione:
Papa Emeritus II - Vocals

 

Genere:
Heavy Metal / Rock

 

Durata:
24' 47"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
26.11.2013

 

Etichetta:
SpineFarm Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di SpineFarm Records
Universal Music Group
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Universal Music Group

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Nel 99,9999 per cento dei casi un EP composto da 4 covers pop o dance, come in questo caso più una canzone live, verrebbero da me bollate come una uscita discografica magari carina, ma tutt’altro che imprescindibile. Ma con i Ghost B.C. non è così.
I Ghost sono, direi, la band più celebre, appariscente e direi influente a livello almeno europeo degli ultimi anni secondo me, la cui musica è una proposta musicale non superata ma direi desueta, un insieme di stili musicali che non si riproponevano forse più, ma che in realtà suonano ancora bene e convincenti. Per questa operazione musicale, tuttavia, i Ghost prendono quattro brani di musicisti che col metal hanno poco o niente a che fare, e incredibilmente fanno proprie queste covers. Sì, esatto. Se vi chiede come possa essere possibile che gli Abba e i Depeche Mode possano essere accomunati senza stonare insieme a uno che fa rock psichedelico, e una band credo dance, la risposta sta qua, senza se e senza ma, con addirittura la cover degli Abba resa più malefica grazie semplicemente ad accordi minori e “Crucified” degli Army of Lovers resa ossessionante e malefica, e il tutto, credo, con un pizzico di cinica ironia che ammanta questi brani, proprio per il contrasto con la versione originale. Conclude un EP da incorniciare la loro classica e grottesca “Secular Haze”, magnifica.
Poco da dire: non l’ho mai scritto in fase di recensione, ma i Ghost B.C. per me sono un “instant classic”. Una band che suona così fuori dai tempi e dagli andazzi moderni, ma non tanto perché sia rétro, quanto perché propone qualcosa di totalmente diverso da ciò che le altre bands si sognano, e da ciò che il pubblico si aspetterebbe. Non mi sarei mai aspettato tali emozioni da un EP di 4 cover e un brano live.
Per me, acquisto obbligatorio per tutti, indiscriminatamente. Fatevi una cultura musicale. Riverisco, Sua Santità Papa Emeritus II.

Track by Track
  1. If you have ghosts (Roky Erikson cover) 90
  2. I’m a marionette (ABBA cover) 95
  3. Crucified (Army of lovers Cover) 95
  4. Waiting for the night (Depeche Mode cover) 95
  5. Secular haze (live) 95
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 95
  • Qualità Artwork: 95
  • Originalità: 100
  • Tecnica: 100
Giudizio Finale
96

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 09.05.2014. Articolo letto 956 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.