Veratrum «Sentieri Dimenticati» (2013)

Veratrum «Sentieri Dimenticati» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
07.05.2013

 

Visualizzazioni:
1499

 

Band:
Veratrum
[MetalWave] Invia una email a Veratrum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Veratrum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Veratrum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Veratrum

 

Titolo:
Sentieri Dimenticati

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Haiwas -Voice, Guitar
Caim - Guitar
Marchosias - Bass
Sabnok - Drums

 

Genere:
Death / Black Metal

 

Durata:
0' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
11.03.2013

 

Etichetta:
Buil2kill Records
[MetalWave] Invia una email a Buil2kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Buil2kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Buil2kill Records

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe
Code7 Distribution
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Code7 Distribution
Season of Mist Distribution
[MetalWave] Invia una email a Season of Mist Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Season of Mist Distribution

 

Agenzia di Promozione:
Nadir Promotion
[MetalWave] Invia una email a Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nadir Promotion

 

Recensione

I bergamaschi Veratrum ristampano il full length di debutto “Sentieri Dimenticati” originariamente uscito nel 2012 autoprodotto, e ora uscito per la Buil2kill Records, proponendoci 10 tracce per 35 minuti circa di ciò che viene definito death/black. Ed in effetti in questo disco abbiamo appunto del death metal di stampo americano, debitore alla lontana ai Nile e ai Behemoth per l’evocatività di certe atmosfere e più sullo stile dei secondi per molti riffs, che sono molto meno intricati di quelli dei Nile, mentre di black non ci trovo praticamente niente.
Ma il risultato com’è? In poche parole, appena sufficiente. Sì ok, la qualità sonora è molto buona, La veste grafica è avvincente anche se molto photoshoppata e anche non molto significativa, le qualità tecniche ci sono, ma ciò che manca in maniera quasi endemica in questo “Sentieri Dimenticati” è la personalità musicale. Per quanto siano presenti in scaletta belle canzoni come “I trionfi più grandi”, più equilibrata e con una buona compattezza generale, oppure “Ritorno ad Atlantide” che ammalia per un buon chorus cantabile e la conclusiva “Agarthi”, più compatta, il resto dei brani dà più che altro l’impressione che i Veratrum sanno a memoria gli ultimi lavori dei Behemoth e anche di avere imparato a rifare qualche intermezzo alla Nile, ma anche che di questa loro influenza musicale sono vittime più che padroni, e anzi quando provano ad aggiungere qualche idea loro, scadono nel manieristico, nel banale o comunque nel già sentito dai loro numi tutelari. Ne sono esempi il chorus pulito di “Ars Goetia”, decisamente inopportuno e dal taglio più death melodico, gli assoli troppo melodici che non aggiungono brutalità, e la netta predominanza di tempi medio lenti, che non cuoce le orecchie dell’ascoltatore bisognoso di brutalità e che rende la proposta musicale dei Veratrum standardizzata, tra l’altro condita da alcuni riffs meno a fuoco che si avvicinano pericolosamente a sonorità deathcore (come quello a 2:50 di “Agarthi”).
In altre parole, death metal oscuro che però di oscuro ha poco, alcune belle canzoni, prova vocale nella norma, personalità non pervenuta o non apprezzabile a sufficienza e brutalità contenuta. I Veratrum hanno fatto un disco che fa presagire bene per il futuro e con spunti interessanti, ma che al momento ha troppe qualità ancora da sviluppare e che pecca di personalità, annacquata negli stereotipi delle bands suddette.
Il giudizio finale rispecchia una media compositiva buona, ma la pochissima personalità distrugge molto di questo disco e poco rimane di ciò che san fare questi bergamaschi dopo che si sono sentiti i loro numi tutelari.

Track by Track
  1. La voce del silenzio 60
  2. Uomo 50
  3. Lo sventramento dei guardiani della terra cava 50
  4. I trionfi più grandi 75
  5. Ars Goetia 65
  6. I Bracieri del tempio di Thot 60
  7. Ritorno ad Atlantide 75
  8. Orizzonte 60
  9. Thule 65
  10. Agarthi 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 25
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
61

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 07.05.2013. Articolo letto 1499 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.