AmbraMarie «3anni2mesi7giorni» (2012)

Ambramarie «3anni2mesi7giorni» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival Creation »

 

Recensione Pubblicata il:
18.02.2013

 

Visualizzazioni:
1454

 

Band:
AmbraMarie
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di AmbraMarie [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di AmbraMarie

 

Titolo:
3anni2mesi7giorni

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
AmbraMarie :: Vocals
Hristo Lepri :: Guitar
Mighell Vanelli :: Guitar
Raffaele D’Abrusco :: Bass
Mattia Degli Agosti :: Drums

 

Genere:
Rock

 

Durata:
1h 0' 10"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.11.2012

 

Etichetta:
Valery Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Valery Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Valery Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Valery Records

 

Distribuzione:
Frontiers Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Frontiers Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Frontiers Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Frontiers Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Frontiers Records

 

Agenzia di Promozione:
V-Promotion
[MetalWave] Invia una email a V-Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di V-Promotion

 

Recensione

Un recensore e/o ascoltatore medio cestinerebbe immediatamente il debut album di AmbraMarie solo dopo aver letto che la bella singer lombarda ha partecipato 3 anni or sono ad X Factor e farebbe un grosso errore, un errore madornale degno di un idiota poiché non sempre chi esce fuori da reality-show o che vi ha semplicemente fatto un’esperienza deve essere necessariamente un cordardo che ha il terrore di misurarsi con la musica “vera” (vera poi in quale accezione?!) oppure che sogna una vita da rockstar e va a fare il finto-metallaro in tv beccandosi insulti e prese in giro da parte di giuria e pubblico.
Nossignore, la vita è strana e a volte c’è del talento in persone che non ti aspetteresti come tipologia di background. Eccovela qui questa AmbraMarie che ama il Rock e che assieme ad altrettanti professionali strumentisti ha rilasciato questo “3Anni2Mesi7Giorni” (il tempo che la separa da X Factor).
Non è ovviamente materiale che posso consigliare ad amanti e puristi del metal estremo o a simpatici personaggi coi paraocchi con frequenti tic nervosi al solo ascolto di una produzione un po’ migliore di quella cui sono abituati. Questione di gusti ma anche questione di apertura mentale: non sempre bisogna fare i bastian contrari con ridicole prese di posizione ma la musica va ascoltata tutta e con curiosità anche.
Ecco il motivo per cui AmbraMarie mi è sembrata convincente all’interno di questa enorme release che raccoglie un po’ tutto l’operato della bionda singer e della sua band di accompagnamento. Un intreccio di brani più ritmati, alcuni più mid-tempo, ballad e semi-ballad a non finire acustiche o meno, in italiano e in inglese ma tutte prodotte perfettamente e con un professionalità su cui è inutile stare a discutere.
Le doti della singer sono molto buone e potremmo potenzialmente aspettarci in futuro delle produzioni anche qualche tacchetta sopra quanto a idee; non che “3Anni2Mesi7Giorni” sia un disco da bocciare tutt’altro ma per ora posso considerarlo un piacevole easy-listening da macchina durante un rilassante viaggio (in cui guida qualcun’altro ovviamente) e chi possiede un’apertura mentale invidiabile sa bene che easy-listening non significa necessariamente una tipologia di musica scadente ma del materiale più fruibile che non impegna troppo la mente e che funge da stuzzicante sottofondo. Non vedo dove sia il problema né capisco tutta questa avversione per punto preso verso la musica più semplice. Misteri.
Tornando a questa oretta di rock melodico, è necessario sottolineare che anche dal vivo l’estensione e la bravura di AmbraMarie meritano considerazioni anche fuori dall’Italia. Staremo a vedere.
“3Anni2Mesi7Giorni” è un disco dalla musica non particolarmente originale ma che fa stare al posto suo molti sedicenti gruppetti di ragazzini senza né arte né parte e che sa emozionare e le emozioni non devono essere per forza complesse ma vai a spiegare un po’ questo concetto ai puristi!

Track by Track
  1. Tell Me Where Ya Been 65
  2. Sola 70
  3. My Enemy 65
  4. Cielo Di Ruggine 70
  5. Once A Year 65
  6. Nulla Esiste 70
  7. 13 Days 65
  8. Quello Che Resta 60
  9. Out Of My Bed 70
  10. Viola 65
  11. Solo Cenere 65
  12. Guardami 70
  13. Crashing Down 65
  14. Regina Di Cuori 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Carnival Creation » pubblicata il 18.02.2013. Articolo letto 1454 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.