«Magna Grecia Metal Fest 2005»

Data dell'Evento:
17.06.2005

 

Nome dell'Evento:
Magna Grecia Metal Fest 2005

 

Band:
Grave Digger
Atrocity
Mortuary Drape [MetalWave] Invia una email a Mortuary Drape [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mortuary Drape [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mortuary Drape [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Mortuary Drape
Marshall [MetalWave] Invia una email a Marshall [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Marshall [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Marshall [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Marshall
Grimness [MetalWave] Invia una email a Grimness [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grimness [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grimness [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Grimness
Larsen [MetalWave] Invia una email a Larsen [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Larsen [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Larsen

 

Luogo dell'Evento:
Palapartenope

 

Città:
Napoli

 

Promoter:
Delirio Concerti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Delirio Concerti

 

Autore:
Lord Lucyfer»

 

Visualizzazioni:
1586

 

Live Report

[MetalWave.it] Immagini Live Report: Nessuna Descrizione Prima di cominciare il report del Magna Grecia Festival di quest’anno, devo doverosamente scusarmi con chi l’aspettava già molto tempo fa, però a causa di svariati problemi (e delle vacanze), solo ora ho potuto mettere mano a quest’opera (così parlo il novello Dante heheheh).
Ennesimo colpo da 90 della Delirio Concerti, che per questa terza edizione del Festival partenopeo è riuscito a far venire band di (abbastanza) richiamo come Atrocity e Grave Digger. Ma passiamo direttamente al Festival.

Il tempo di entrare, e sul palco ci sono già i napoletani Larsen. Cosa dire… Power Prog, secondo i miei gusti senza né arte né parte. Comunque i Larsen fanno bene quel che devono fare, coinvolgendo abbastanza il pubblico. Certo il vocalist che diceva “Scream for me Napoli”.. Beh, cose di Dickinsoniana memoria.
Tocca poi ai Grimness. La band romana purtroppo ha suonato pochissimo. E dico purtroppo perché nei pochi minuti che hanno avuto a disposizione hanno annichilito il Palapartenope con una prestazione di violenza inaudita. Forti anche del lavoro fonico di sua maestà Giuseppe Orlando, i Grimness sono stati di sicuro quelli col miglior suono. Promossi credo praticamente da tutti. Dovevate vedere la bolgia che s’è creata!!
Salgono sul palco i Marshall e… ok adesso mi tirerò addosso qualche bell’insulto… ma non se ne può più! Solito trito e ritrito Power Prog, accompagnato da un suono decisamente troppo alto (problema che si è riscontrato in quasi tutte le prove.. nessuno aveva fatto i conti con lo spazio troppo grosso mi sa).
È la volta, poi, di una vera leggenda del panorama estremo italiano. Sciorinavano Black Metal quando la scena norvegese praticamente non esisteva. Signore e signori, i Mortuary Drape!! Un massacro. Amici miei un massacro. Tanto che, dopo aver fatto le dovute foto, ho mollato il posto sotto al palco per andarmi a demolire con gli altri. Prova spettacolare, pezzi stupendi (“Ectoplasm” un vero highlight).. sarà un giudizio soggettivo, ok, ma per me è stata la miglior performance del MGF.
Arriva quindi il momento della prima delle due bands tedesche: gli Atrocity. Quanta strada hanno fatto dagli inizi.. e come sono cambiati, dato che ora propongono un devo dire più che buono Gothic Death. Tre i momenti di risalto: due riguardano due canzoni, “Gods Of Nation” e la conclusiva cover dei Tears For Fears “Shout”; l’altro, anzi per meglio dire, gli altri, sono stati i momenti in cui sul palco c’è stata la bellissima Liv Kristine!! Chevvelodicoaffà!!
Infine, a chiudere, è la volta dei Grave Digger. Forse il ruolo di Headliner non si addice tanto loro, visto che, forse, l’unica pecca della loro performance, è che è stata troppo lunga. Per carità, bei pezzi, nonostante non è che gradisca molto il genere, un buon mix fra pezzi vecchi e nuovi, Chris Boltendahl è un ottimo frontman.. però dopo un po’ hanno iniziato a stancare.

Onore ancora una volta a Mr. Dino Vicedomini: non mi stancherò mai di dire che se Napoli sta diventando qualcosa in ambito metallico, è SOLO per merito suo. Peccato però che questa volta ci s’aspettava un po’ più di pubblico, ma comunque sia la serata è andata più che bene. Scusandomi ancora per il ritardo per questo report, vi rimando alla prossima data targata Delirio Concerti: il S-Hammer Metal Fest 2005!!

 

Immagini della Serata

 

Recensione di Lord Lucyfer Articolo letto 1586 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Concerti
  • 21 Set. 2019 Mortuary Drape @ "3° Sons Of Rock", Mores (SS)
  • 14 Set. 2019 Mortuary Drape @ "Death Fest", Bolzano (BZ)
  • 13 Set. 2019 Mortuary Drape @ "Centrale Rock Pub", Erba (CO)