Intervista: Memories of a Lost Soul

Nessuna Descrizione Quattro chiacchiere con la band dei "Memories of a Lost Soul" dopo la loro buona ultima fatica discografic "Empty Sphere Requiem".

 

Come nasce il progetto "Empty Sphere Requiem" ?

E'un opera che ha subito un certo travaglio indubbiamente, i brani erano gia' stati composti in passato
ma col tastierista e bassista precedenti, non e' stato facile al cambio di questi componenti riarrangiarli e
registrarli.
Il disco vuole essere il sunto di un periodo in cui ho maturato profonda sfiducia nel genere umano,
i brani trasudano questo ed auspicano la fine della vita sulla terra una nuova grande glaciazione...
ci sono dei pezzi che sono vere opere a se', alcuni dal minutaggio superiore ai 10 min.
abbiamo un po osato volendo fare una vera opera metal che abbraccia un po tutti i generi che ci piacciono.

Come avviene la stesura dei testi?

Normalmente scriviamo qualcosa che poi adattiamo brano per brano, non nasce un testo che sia specifico per una canzone,
anche se capita che qualcosa poi calzi a pennello e non e' un caso... alcune sono vere e proprie storie gotico/romantiche,
retaggio di un passato in cui scrivevo avventure fantasy, il testo in media non parla di qualcosa di reale, pur tuttavia vi si trovano
molti spunti per fare dei paragoni con la vita vera.

Siete soddisfatti del lavoro? o avreste cambiato qualcosa?

Dopo tutto il tempo che abbiamo avuto per redigerlo secondo per secondo, credo che se ci fosse stata qualcosa
che avremmo ritenuto di cambiare lo avremmo fatto per tempo...
d'altronde ad essere pignoli avrei "tagliato" qualcosa, ma forse e' una mia paranoia
dovuta al fatto che secondo me e' un disco con brani molto lunghi, ma d'altronde e' la croce
e la delizia di chi ha degli spunti prog.

La critica come sta accogliendo "Empty Sphere Requiem" ?

Direi che e' un grande ritorno per la band, certi gridano al miracolo, la
cosa che di piu' mi soddisfa e' che la gente sembra davvero aver capito quello che volevamo fare.

Anche i "Memories of a Lost Soul" sentono la crisi del mercato discografico?

Considerando che siamo attualmente senza contratto... direi di si', in realta'
ce ne propongono parecchi ma sono la maggiorparte a pagamento e noi crediamo sia sbagliato prostituire la nostra musica,
a parer mio e' in crisi propio perche' tutti vogliono firmare anche a costo di sganciare soldi...

Com'è la situazione Live dalle vostri parti?

Ogni tanto apre qualche locale che fa fare musica dal vivo, si fa una stagione e puntualmente chiude,
e' sempre piu' difficile in italia fare musica dal vivo.

I "Memories of a Lost Soul", passano del tempo insieme anche fuori dal contesto musicale?

No... direi sinceramente di no. tutti lavoriamo e la maggiorparte di noi come turnisti in altri contesti musicali.

Che consiglio dareste alle bands emergenti?

Di stare attenti perche' nel giro e' pieno di "squali" che vogliono solo fregarvi i soldi, fate la vostra musica
e fregatevene di tutti, non abbiate fretta di "sfondare".

Progetti Futuri

Continuare la stesura di nuovi brani, registrarli, continuare a fare la nostra musica al meglio.

L'ultima domanda è vostra. Vi lascio campo libero!

Il metal in italia oggi e' lo sport dei figli di papa'... pochi ascoltano la musica che fai ed a molti nemmeno interessa.
noi siamo musicisti, gente che ama la musica e fa' musica... siamo fuori da stronzate tipo:
pagare slots per suonare in grandi festival, o pagare per avere contratti discografici... a buon intenditor poche parole...
non chiedetevi perche' il genere e' in declino, lo avete rovinato voi.

Intervista di Led Articolo letto 1542 volte.

 


Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.