Menk' «Menk'» (2023)

Menk' «Menk'» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
04.05.2024

 

Visualizzazioni:
147

 

Band:
Menk'
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Menk' [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Menk' [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Menk'

 

Titolo:
Menk'

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Xabier Iriondo :: instruments
Franz Valente :: instruments

 

Genere:
Experimental Ambient

 

Durata:
30' 9"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
27.10.2023

 

Etichetta:
Overdrive
[MetalWave] Invia una email a Overdrive [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Overdrive [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Overdrive
Dio Drone
[MetalWave] Invia una email a Dio Drone [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dio Drone [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Dio Drone

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Partiamo dalla fine: il disco autointitolato del progetto Menk’ è una di quelle release che c’entrano poco o per nulla con ciò che siamo più avvezzi (ed esperti) a recensire in questo disco, ovvero l’ambient. Infatti, qui di metal e di rock non c’è niente, anche se in questo progetto ci sono un membro degli Afterhours e uno del Teatro degli Orrori.
Occorre dunque ascoltare questo disco come se fosse un mood continuo, una colonna sonora, che parte dagli strumenti orientaleggianti di “Vento orientale”, per arrivare a percussioni più dure in “Corpus”, a corde pizzicate in “Fuoco immortale” e all’atmosfera cavernosa di “Onde sonore” e angosciosa. Fin qua tutto bene, dopodiché se devo essere sincero la seconda parte del disco la trovo un po’ meno fruibile, con una “Esplosione luminosa” che trovo non molto comunicativa così come “Sibilli riflessi”. Sono più chiare invece le altre due parti, che consistono in “Sospeso nell’aria”, dall’evidente mood meditativo, e l’eloquente “Abisso”.
Questo è quanto. L’album autointitolato dei Menk’ è un disco da colonna sonora, che chiede la giusta condizione per ascoltarlo, e che a parte un paio di battute a vuoto, fa il suo lavoro abbastanza bene. Per appassionati di musica ambient sperimentale e assolutamente non da consigliare a chi vuole un disco classicamente rock o metal.

Track by Track
  1. Vento Orientale 70
  2. Corpus 70
  3. Fuoco Immortale 70
  4. Onde sonore 70
  5. Esplosioni luminose 60
  6. Sospeso in Aria 70
  7. Sibilli Riflessi 60
  8. Abisso 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 04.05.2024. Articolo letto 147 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.