Umbra Noctis «Asylum» (2024)

Umbra Noctis «Asylum» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
25.04.2024

 

Visualizzazioni:
190

 

Band:
Umbra Noctis
[MetalWave] Invia una email a Umbra Noctis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Umbra Noctis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Umbra Noctis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Umbra Noctis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Umbra Noctis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Umbra Noctis

 

Titolo:
Asylum

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Davide Bottoli :: Bass;
- Omar Maghella ::Drums;
- Tiziano Valente :: Guitars;
- Filippo Magri :: Vocals;

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
40' 6"

 

Formato:
Vinile 12"

 

Data di Uscita:
12.04.2024

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il terzo disco degli Umbra Noctios è “Asylum”, un sette tracce in uscita per l’etichetta francese Drakkar Porduction & Mailorder che abbraccia rock e black metal in un tutt’uno dando l’impulsività migliore e l’esternazione di tutto quel marciume che la band sviluppa sin dal 2005. La band sostanzialmente incentra, come già fatto anche i precedenti lavori prevalentemente la propria creatività sul black metal, genere assolutamente preferito in cui un marcio clean in lingua madre fa tutto il resto. Molto soavi sono le melodie che di tanto in tanto spezzano la voragine cupa e nera del black metal all’interno delle quali compaiono refrain ronzanti tipici per questo genere; il nuovo disco in sostanza contiene dei brani composti tra il 2017 e il 2021 in cui viene rivendicato il bisogno di liberarsi del semplicismo del mondo moderno e contemporaneo e la ricerca del proprio io configurato come il nemico di tutto ciò; “Asylum” è una sorta di rifugio per riflettere e meditare nel passato per ritrovare gli elementi essenziali per sopravvivere e combattere il futuro. Sin dalla prima traccia la band, come accennato non abbandona mai propria indole più acerba e oscura e ne da prova con strutture non troppo complesse che ben emergono grazie alla buona produzione che ne rafforza non poco i contenuti; sette tracce che mettono ben in evidenza lo spirito della band sia concettualmente che stilisticamente mantenendo in ogni caso vivo il proprio credo e la propria capacità.

Track by Track
  1. I Cieli Piangono 70
  2. Incontro 70
  3. Sentiero 407 (Asylum) 65
  4. 14 70
  5. Green Eyes 70
  6. Anno Horribilis MMXX 70
  7. What if..? 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 25.04.2024. Articolo letto 190 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.