A Reason to Begin «Rebirth» (2022)

A Reason To Begin «Rebirth» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
07.02.2024

 

Visualizzazioni:
128

 

Band:
A Reason to Begin
[MetalWave] Invia una email a A Reason to Begin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di A Reason to Begin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di A Reason to Begin

 

Titolo:
Rebirth

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Matt :: voice
Manno :: guitars
Jean :: strings
Ilvile :: bass
Danihell :: drums

 

Genere:
Metalcore

 

Durata:
24' 24"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
11.11.2022

 

Etichetta:
Ad Noctem Records
[MetalWave] Invia una email a Ad Noctem Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ad Noctem Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ad Noctem Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Bel disco di debutto per gli HC/Thrashers da Torino chiamati A Reason to Begin, che con questo “Rebirth” ci propongono 8 brani più intro e outro di brani concisi, affilati e che arrivano subito al dunque, senza fronzoli e che pur non facendo niente d’innovativo, saranno senz’altro un gruppo che farà la felicità degli amanti di questo genere musicale.
Lo si sente sin dall’opener “Revenge”, probabilmente il migliore del disco: le coordinate sonore partono da un hardcore di base e poi sfumano sia nel thrash che anche in qualcosa di più moderno, e con un ritornello che, non si può negare, esce fuori molto bene. E le coordinate sonore restano più o meno immutate, con una “By the glory” che a volte fa il verso ai The Haunted più furiosi, e tutt’al più con variazioni dettate da episodi lenti e abrasivi come “The warrior”, passando per brani da sfogo come “Don’t give a fuck” (della serie: un nome, una garanzia), finendo per i chiari brani da mosh come “Fake preacher”. Questo è quanto, in quasi 24 minuti e mezzo di musica.
“Rebirth” non sarà un disco che risccrive la storia, ma ce lo teniamo così com’è. È il frutto della tipica band che non conosci, ma che quando la vedi ai concerti la scopri e te la ricordi quando torni a casa. Acquisto consigliato non solo agli amanti dell’hardcore, ma anche a chi non disdegna il thrash accoppiato a queste sonorità.

Track by Track
  1. Searching - Intro S.V.
  2. Revenge 70
  3. By the glory 70
  4. Green monster 70
  5. Forever evil 65
  6. The warrior 75
  7. Don't give a fuck 75
  8. Fake preacher 80
  9. Live or die 70
  10. Found - Outro S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 07.02.2024. Articolo letto 128 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.