Evilizers «Solar Quake» (2021)

Evilizers «Solar Quake» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Bata »

 

Recensione Pubblicata il:
27.04.2022

 

Visualizzazioni:
246

 

Band:
Evilizers
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Evilizers [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Evilizers

 

Titolo:
Solar Quake

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessio Scoccati, Bass
Giulio Murgia, Drums
Davide Ruffa, Guitars
Fabio Novarese, Guitars
Fabio Attacco, Vocals

 

Genere:
Heavy Metal

 

Durata:
41' 57"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.03.2021

 

Etichetta:
Punishment 18 Records
[MetalWave] Invia una email a Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Punishment 18 Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Ritornano su disco i nostri cari Evilzer paladini del più classico heavy metal con i Judas Priest a fargli da tutore. Non a caso nascono come cover band degli inglesi per evolversi fino al 2018, anno dell’esordio con pezzi propri.
Il nuovo lavoro è un grosso passo avanti rispetto all’esordio, un bel disco di classi heavy metal. Un gruppo in piena forma. Niente di nuovo certo ma una bella botta di metallo fondente. 11 pezzi dove emerge tutto l’amore del gruppo per questa musica. Amore certo i Judas Priest come dicevo ma anche Accept e perché, Cirith Ungol. Un album dove le chitarre (naturalmente 2 eheh) si muovono come coltelli affilati, dove gli assoli emergono in bella mostra come per esempio in ‘Solar Quake’, ‘Utb’, in Holy Shit’, in ‘Earth Die Screaming’, in ‘Shiver Of Thy Fate’ e infine nella motorhediana ‘Ghost’, pezzo che chiude alla grande il disco. Di certo non è da meno la base ritmica che sorregge il tutto allagrande.
che strizza l’occhio al mitico Lemmy, a chiusura del disco.
Un gruppo roccioso, genuino, metal al 100%!!!
Analizzando i pezzi, opener “Solar quake” è quella forse più priestiana del lotto; ma fa da apripista a pezzi davvero tirati e spacca ossa come “U.T.B.”, “Terror Dream” e “Holy Shit”.
Si vede invece un’evoluzione versi lidi più…doom (qualcuno ha detto Black Sabbath?)?? Gotici??? In pezzi come “Chaos Control” e “Earth Die Screaming”; diciamo che le influenze si spostano verso i maestri italici DEATH SS.
Non poteva mancare la ballad, ed eccola arrivare con “Shiver Of Thy Fate”. Ma poi si torna correre, sudare, urlare con “Ghost”.
Ripeto, per me album consigliatissimo. Una bella boccata di heavy metal classico ci voleva.
E complimenti per la copertina, opera di Mattia Nidini, già al lavoro con Manilla Road, Sabotage, Frozen Tears e Pitiful Reign.

Track by Track
  1. Solar Quake 75
  2. U.T.B 80
  3. Call of Doom 75
  4. Chaos Control 75
  5. Earth Die Screaming 75
  6. Shiver of the Fate 80
  7. Terror Dream 80
  8. Disobey the Pain 75
  9. Holy Shit 80
  10. Time To Be Ourselves 80
  11. Ghost 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Bata » pubblicata il 27.04.2022. Articolo letto 246 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.