Petricor «First Breath» (2019)

Petricor «First Breath» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
22.09.2019

 

Visualizzazioni:
119

 

Band:
Petricor
[MetalWave] Invia una email a Petricor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Petricor

 

Titolo:
First Breath

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Alessandro Nevola :: guitar;
- Gaetano Busciolà :: guitar;
- Salvatore Cavallaro :: bass;
- Gianluca Cariati :: drums;

 

Genere:
Instrumental post-rock

 

Durata:
35' 41"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
28.06.2019

 

Etichetta:
Fluttery Records
[MetalWave] Invia una email a Fluttery Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Fluttery Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fluttery Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Fluttery Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

E’ strumentale l’esordio dei Petricor, band post rock pugliese capace di trascinarci in atmosfere sonore magiche, surreali e malinconiche nel tentativo di coinvolgere e colpire le sensazioni e le emozioni dell’ascoltatore. Sonorità nitide e pulite in un insieme di note coese, offrono un quadro compositivo estremamente piacevole e dall’effetto rilassante dove è difficile se non impossibile trovare un qualcosa che possa in qualche maniera spezzare l’incantesimo musicale generato. I sette brani si orientano prevalentemente in contesti melodici, pacati, quasi ambient ma in ogni caso il post rock prevale in maniera significativa e piace. Fatta eccezione per i brani d’apertura in cui prevalgono anche distorti “People”, in altri “Last Breath” compare anche un breve clean, quasi recitato, che si fa breccia tra una soave e moderatissima ritmica in cui poi un’esplosione di distorti, seppur decisamente sobria offre quel giusto e corretto brio che riaccende le potenzialità dandoci prova di una discreta quanto importate riuscita. Anche l’elettronica in ogni caso non manca come nel caso del conclusivo “Super8” in cui un crescendo di effetti si propaga quasi per poi nebulizzarsi e offrire ancora una volta una decisiva riuscita. Il disco, come citato prevalentemente strumentale, decreta un esordio deciso e assolutamente coinvolgente dai cui tratti e dalle cui note è praticamente impossibile districarsi e non immaginare o sognare.

Track by Track
  1. 8 75
  2. People 80
  3. Naked 80
  4. Last Breath 75
  5. Unbroken Horses 75
  6. Saudade 75
  7. Super8 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 22.09.2019. Articolo letto 119 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.