Zaum «Divination» (2019)

Zaum «Divination» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
22.04.2019

 

Visualizzazioni:
108

 

Band:
Zaum
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Zaum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Zaum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Zaum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Zaum

 

Titolo:
Divination

 

Nazione:
Canada

 

Formazione:
- Kyle Alexander McDonald :: Vocals, Bass, Sitar, Synth;
- Christopher Lewis :: Drums;
- Nawal Doucette :: Visual Performance art, ambiance;

 

Genere:
Mantra doom

 

Durata:
44' 5"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.04.2019

 

Etichetta:
Listenable Records
[MetalWave] Invia una email a Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Listenable Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Al di là di ogni tipologia di reale approccio musicale, i canadesi Zaum propongono questo secondo disco “Divination” congedandoci in quasi tre quarti d’ora di ascolto racchiusi in tre tracce di pura riflessione resa con un algoritmo musicale che va oltre il comune e senza ricorrere al suono di chitarre o quant’altro; il tutto in sostanza, con un’energia che spazia tra il doom e sludge ricorrendo a strumenti di matrice primitiva riconducibili ad un clima appartenente al mondo mediorientale per richiamare l’attenzione dell’ ascoltatore ad una profonda riflessione. L’ambientazione scelta dalla band ricade questa volta nella terra dell’antica Burma, un luogo dove la natura va ad uniformarsi con il mondo delle tenebre e gli uomini sono protetti dagli spiriti degli antichi; la voce maschile si trascina tra una sequenza di suoni quasi viscerali, in piena matrice doom, e il tutto viene arricchito dall’ottima performance vocale della meravigliosa Nawall Ducette che amplifica non poco la resa dell’intero lavoro. L’effetto che si propaga tra un brano e l’altro, come si accennava, risulta di livello considerata la suggestiva ambientazione sonora creata dal combo tra andature ed effetti di matrice psichedelica scaturenti. I tre brani in conclusione affrontano un vero e proprio percorso spirituale miscelato tra musica innovativa e una immensa dote di riflessività.

Track by Track
  1. Relic 75
  2. Pantheon 80
  3. Procession 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 22.04.2019. Articolo letto 108 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.