One Day In Fukushima «Ozymandias» (2018)

One Day In Fukushima ŤOzymandiasť | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
21.07.2018

 

Visualizzazioni:
213

 

Band:
One Day In Fukushima
[MetalWave] Invia una email a One Day In Fukushima [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di One Day In Fukushima [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di One Day In Fukushima [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di One Day In Fukushima [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di One Day In Fukushima

 

Titolo:
Ozymandias

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Valerio :: Vocals;
Fabrizio :: Lead Guitar;
Vincenzo :: Bass;
Cosimo :: Drums;

 

Genere:
Death / Grind

 

Durata:
22' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.04.2018

 

Etichetta:
Eclectic Productions
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Eclectic Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Eclectic Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grand Sounds PR
[MetalWave] Invia una email a Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grand Sounds PR

 

Recensione

Imbattersi in un disco come questo d’esordio dei One Day In Fukushima intitolato “Ozymandias” significa in sostanza fare un salto indietro nel tempo quando i Napalm Death dettero vita oltre trent’anni fa al loro disco d’esordio Scum, ma ancora alle primissime realizer degli amati Brutal Truth, Terrorizer o ai Repulsion e via discorrendo. Poco più di venti minuti rendono in sostanza l’idea di che tipo di prodotto si possa avere in mano, quanto meno per gli esperti del settore intendo; un’inarrestabile scarica di adrenalina che non tende a cessare il suo effetto per venti ininterrotti minuti senza limitazioni ma con il giusto impulso e l’annessa grinta. Ritmiche forsennate al pari di psicotici riff di chitarra, al limite dell’isterismo, rendono gli onori a questo disco rispettando in sostanza il protocollo di un particolare genere come questo del death grind metal. Sonorità tipicamente estreme dunque non per deboli di cuore ma per appassionati del genere che troveranno in questo lavoro una buona riuscita elogiando al punto giusto l’esordio di questa intraprendente band.

Track by Track
  1. Bhopal Inc. 70
  2. Desomorfina 70
  3. D.E.M. 70
  4. Exoskeleton 70
  5. Automi 70
  6. Toxifissione 70
  7. Sawney's Eyes 70
  8. Giù La Testa 70
  9. Stench Of Rotten 70
  10. Ipnosi Dell'Assente 70
  11. Pryipiat Syndrome 70
  12. Waterboarding 70
  13. Ridursi Al Niente 70
  14. La Giustizia Degli Spaventapasseri 70
  15. Il Regime Dei Maiali 70
  16. Gabbia Toracica 70
  17. Jiu Ming 70
  18. Bergoglio's Fistful Of Sanctity 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 21.07.2018. Articolo letto 213 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.