Mother of Millions «Sigma» (2017)

Mother Of Millions «Sigma» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
18.11.2017

 

Visualizzazioni:
276

 

Band:
Mother of Millions
[MetalWave] Invia una email a Mother of Millions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mother of Millions

 

Titolo:
Sigma

 

Nazione:
Grecia

 

Formazione:
- George Prokopiou :: vocals;
- Kostas Konstantinidis :: guitars;
- Panos Priftis :: bass;
- Makis Tsamkosoglou :: keyboards, samples;
- George Boukaouris :: drums, percussions;

 

Genere:
Prog Rock

 

Durata:
41' 41"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
03.11.2017

 

Etichetta:
Vicisolum Productions
[MetalWave] Invia una email a Vicisolum Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Vicisolum Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Vicisolum Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Vicisolum Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Vicisolum Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Vicisolum Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Nel panorama internazionale meritano i dovuti elogi i greci Mother Of Millions che giungono al traguardo del secondo lavoro intitolato “Sigma”, un disco particolare ma ben riuscito le cui sonorità appaiono massicce e cinematiche avvolte da un insieme di contesti sperimentali che abbracciano ritmiche, contesti folk, elementi dark e un immancabile progressive rock. Insomma tutto un insieme di elementi che sfociano in una realtà fuori dal comune che è riuscita a creare un genere significativamente originale; indubbiamente come primo approccio il lavoro si rileva in parte oscuro proprio per le ambientazioni sonore che lo caratterizzano essendo le stesse generate su basi moderate caratterizzate da un forte impatto emotivo ed espresse da un clean pacato perfettamente conforme al genere. I nove brani si susseguono tra pianoforte, chitarre distorte e ritmicamente compatte, come se si trattasse di una colonna sonora per un film dai contenuti trascendentali che spaziano da una dimensione all’altra tra azione e fantasia appoggiando il tutto su passaggi strumentali orecchiabili che ti restano nella mente per parecchio tempo. Al di là dell’ottimo contenuto che contraddistingue il lavoro, non passa neanche inosservata la cover del cd in un formato digipack rosa, quasi fuori dal comune e con uno splendido volto femminile volto dal quale emergono incondizionatamente migliaia di braccia tra collo e testa. Seppur apparentemente i brani possono al primo ascolto dare l’impressione di un qualcosa di similare l’uno con l’altro, in realtà la differenza sostanziale emerge di fronte ad un orecchio esperto: la band sa strutturare i brani in maniera esemplare tra prog, melodie, addirittura con passaggi acustici mediorientali ed andature, di tanto in tanto, più tendenti al djent ma sempre invase da quella vena malinconica che fa la differenza. Un disco splendido e ammirevole per i suoi contenuti sviluppati in un genere singolare ed inedito.

Track by Track
  1. Emerge 90
  2. Shine 85
  3. Silence 85
  4. Rome 85
  5. Their Passage, The Light 90
  6. Collision 90
  7. The Rapture S.V.
  8. Spiral 90
  9. Sigma 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
88

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 18.11.2017. Articolo letto 276 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.