Starsick System «Lies, Hopes & Other Stories» (2017)

Starsick System «Lies, Hopes & Other Stories» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
02.06.2017

 

Visualizzazioni:
1332

 

Band:
Starsick System
[MetalWave] Invia una email a Starsick System [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Starsick System [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Starsick System [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Starsick System

 

Titolo:
Lies, Hopes & Other Stories

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Marco Sandron :: voce, chitarra;
- David Donati :: chitarra;
- Ivan Moni Bidin :: batteria;
- Valeria Battain :: basso;

 

Genere:
Hard Rock

 

Durata:
42' 37"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
23.06.2017

 

Etichetta:
Pride & Joy Music
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pride & Joy Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Pride & Joy Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Bagana Rock Agency
[MetalWave] Invia una email a Bagana Rock Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Bagana Rock Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Bagana Rock Agency

 

Recensione

Seconda prova in casa dei friulani Starsick System che, a distanza di due anni dal precedente “Daydreamin’”, si ritrovano nuovamente sulla cresta dell’onda con questo nuovissimo “Lies Hope & Other Stories”; basti considerare che questa band, in pochissimo tempo, ha saputo raggiungere importati traguardi sia a livello compositivo che soprattutto professionale tanto da vederli ricoprire un ruolo a supporto per i BLS del glorioso Zakk Wylde. Avevo avuto modo di recensire la band nel loro primo lavoro mettendone in risalto particolari doti che sono state riconfermate anche in questo incredibile disco ricco di adrenalina e di modernità che non permette a nessuno di storcere il muso grazie alle sue brillanti e particolari intuizioni. Per chi non ne avesse mai sentito parlare, gli Starsick System propongono un sound misto tra hard rock, modern rock n’roll al punto da paragonarne lo stile a band del calibro di Alter Bridge e via dicendo. Ciò che caratterizza il quartetto in ogni caso, al di la della più che conclamata capacità compositiva, è la perfetta coesione tra i componenti stessi che sembrano, l’uno con l’altro, percepire in maniera sopraffina le singole sensazioni provate tra loro nel corso del personale e soggettivo istante in cui ognuno suona, così cercando di favorirne l’effetto nella maniera migliore. Quanto ai brani, tutti particolarmente brillanti nel sound e nella genesi, offrono un quadro particolarmente d’effetto, a comunicare dall’opener “I’M Hurricane”, anticipata da un un intro ”Nebulus”, che dimostra tutta la forza di questa band all’interno della quale non manca una particolare nitidezza del sound abbellita dallo splendido clean vocale su supporto strumentale melodico; molto bello anche il ritornello cantato; segue “Bulletproof” un brano tirato come una freccia, degno delle migliori cavalcate quasi thrash power; ovviamente lo stesso muta di seguito in favore di un hard rock brillante e dinamico dall’inizio alla fine; segue “Sinner”, dove a rendere effetto è anche la tematica trattata volta a rendere noto al maggior numero possibile di individui la voglia di vivere che è insita in noi; decisivo anche il ritornello centrale del brano e la ritmica varia e coinvolgente; le successive “The Promise “ e “ Scars” sono due brani sempre dinamici ma indubbiamente il secondo riesce ad avere una maggiore presa proprio per la magnifica interpretazione vocale ma soprattutto melodico strumentale; una chitarra a dodici corde segna il motivo centrale del moderato e acustico “Everything and More” pacato che ci concede una semi pausa dalle dinamiche precedentemente ascoltate; “Come one, Come All” un brano che si alterna tra velocità e melodici particolarmente brillanti dall’inizio alla fine; “Perfect Lie” e “Hope” lasciano indubbiamente quel segno che tutti si aspettano da un disco come questo: la prima punta su un hard rock vivo che ti rapisce e ti spinge in ogni direzione per la voglia di fare e per l’energia che lo contraddistingue; la seconda, invece, quasi una sorta di ballad, offre un altro momento di pacatezza prima di lasciarci all’interpretazione di “You Know My Name” che la band dedica alla tragica quanto recente scomparsa della rock star Chris Cornell. Un disco che lascia un segno indelebile e ci conferma che la tecnica e la strategia della band è, come sopra detto sulla cresta dell’onda, un’onda che la band cavalca senza mai cadere. Decisamente un ottimo lavoro.

Track by Track
  1. Nebulus S.V.
  2. I'M the Hurricane 80
  3. Bulletproof 80
  4. Sinner 80
  5. The Promise 75
  6. Scars 85
  7. Everything and More 80
  8. Come one, Come All 80
  9. Perfect Lie 80
  10. Hope 80
  11. You Know My Name S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 02.06.2017. Articolo letto 1332 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.