Fallen Fucking Angels «Sign Of The Razor» (2015)

Fallen Fucking Angels «Sign Of The Razor» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
13.06.2015

 

Visualizzazioni:
1141

 

Band:
Fallen Fucking Angels
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fallen Fucking Angels [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Fallen Fucking Angels

 

Titolo:
Sign Of The Razor

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Filippo Belli :: Drums, Vocals
Stè Giusti :: Guitars, Vocals
Leonardo Tomei :: Bass
Cristian Angelini :: Guitars

 

Genere:
Speed Metal

 

Durata:
30' 23"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2015

 

Etichetta:
DeathStorm Records
[MetalWave] Invia una email a DeathStorm Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di DeathStorm Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di DeathStorm Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di DeathStorm Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Nonostante una copertina insignificante, i Fallen Fucking Angels da Viareggio arrivano al quarto album di un conciso thrash/speed metal senza fronzoli e non troppo lungo di durata, anzi: condensa 8 canzoni più cover dei Razor in appena 30 minuti e mezzo. E questo “Sign of the Razor” non fa che confermare il loro valore, visto che la title track esplode con un tiro diretto e incredibile ma anche abbastanza tecnico, il cui valore è anche confermato da “Ready to esplode”, pronta per fare sfracelli da live grazie a questo stile compositivo tipo Bulldozer, per non parlare di tracce alla Death Angel della terza “K.K.K.”, a formare una tripletta di ingresso dell’album davvero molto bella e che costituisce la parte migliore dell’album, al limite pareggiata dalla grande (e ri-registrata) “Not so stupid (To lose weight for love)”, che sarà anche una canzone dal titolo stravagante, ma che io trovo davvero riuscitissima e tutto ciò rende secondo me l’ascolto dell’album davvero consigliabile ai fanatici del thrash/speed italiano. Ok: il cd sarà anche corto, sarà un po’ non innovativo e si ispira molto a Death Angel e Bulldozer, forse era lecito aspettarcisi qualche brano in più (Un brano è strumentale e l’altro è una cover, quindi i veri brani sono 7), ma qui la qualità c’è eccome. L’ascolto del cd è secondo me davvero consigliato ai fanatici del thrash/speed anni 80 che tanto ci piace.

Track by Track
  1. Sign of the razor 80
  2. Ready to explode 80
  3. K.K.K. (Kous Kous Klan) 80
  4. Horny housewives 75
  5. Interflug 75
  6. Change of address 75
  7. Storm on the world 75
  8. Snake eyes (Razor cover) S.V.
  9. Not so stupid (To lose weight for love) 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 13.06.2015. Articolo letto 1141 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.