Kayleth «Space Muffin» (2015)

Kayleth «Space Muffin» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
24.04.2015

 

Visualizzazioni:
1354

 

Band:
Kayleth
[MetalWave] Invia una email a Kayleth [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Kayleth [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Kayleth [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Kayleth

 

Titolo:
Space Muffin

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessandro Zanetti :: Bass
Daniele Pedrollo :: Drums
Massimo Dalla Valle :: Guitars
Michele Montanari :: Keyboards
Enrico Gastaldo :: Vocals

 

Genere:
Stoner Space Rock

 

Durata:
42' 44"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
02.02.2015

 

Etichetta:
Argonauta Records
[MetalWave] Invia una email a Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Argonauta Records

 

Distribuzione:
Goodfellas
[MetalWave] Invia una email a Goodfellas [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Goodfellas [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Goodfellas
Code7 Distribution
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Code7 Distribution
Plastic Head
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Plastic Head [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Plastic Head

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Non male questo disco di debutto per i Veronesi Kayleth, band Stoner che con questo “Space Muffin” ci donano un bell’esempio di album stoner dal mood spaziale e anche abbastanza visionario, che per tutto il tempo mi fa pensare ad un solo nome: Monster Magnet.
Basta semplicemente l’atmosfera futuristica e semplice ma di sicuro effetto per i Kayleth a garantire tutto questo, con lavori di chitarra mai invadenti e un cantato minimale ma ben calibrato a rendere questa traccia godibile. E le influenze futuristiche diventano ancora più fitte nella seguente “Secret Place”, che al limite è un po’ più rockeggiante. Da qui in poi il livello compositivo delle canzoni non è altro che confermato, con solo poche sfumature a intervenire per differenziare dei brani che altrimenti sarebbero di per sé fin troppo somiglianti; parliamo ad esempio dell’atmosfera space rock, che a volte sembra progressive, di “Bare Knuckle”, dell’accentuata psichedelia di “Born to suffer”, con ritornello alla Kyuss, e con la più spigolosa e dura “Try to save the appearances”. Alla fine dell’album non si può fare a meno di constatare di aver ascoltato un album probabilmente un po’ troppo omogeneo e monodirezionale, che probabilmente poteva essere un po’ più vario, ma che ha dal lato positivo il fatto di essere di facile ascolto, poco ridondante (cosa non comune nei gruppi stoner underground), e che scorre via semplice semplice.
Per questi motivi, per me l’ascolto di “Space muffin” è più che consigliato ai fans dello stoner rock tipo Kyuss e soprattutto Monster Magnet, e forse un po’ meno consigliato a chi si vuole avvicinare a questo genere, proprio per una evidente mancanza di fare effettivamente qualcosa di nuovo. Ciò non intacca che in minima parte il mio parere positivo espresso su quest’album.

Track by Track
  1. Mountains 70
  2. Secret place 75
  3. Spacewalk 75
  4. Bare knuckle 70
  5. Born to suffer 75
  6. Lies of mind 70
  7. Try to save the appearances 70
  8. Ngc2244 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 24.04.2015. Articolo letto 1354 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.