Carnality «Dystopia» (2014)

Carnality «Dystopia» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
27.03.2015

 

Visualizzazioni:
908

 

Band:
Carnality
[MetalWave] Invia una email a Carnality [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Carnality [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Carnality

 

Titolo:
Dystopia

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Luca Scarlatti :: Vox
Marco Righetti :: Guitar
Manuel Arlotti :: Drums
Shane Graves :: Bass

 

Genere:
Brutal Death Metal

 

Durata:
39' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
18.10.2014

 

Etichetta:
Memorial Records
[MetalWave] Invia una email a Memorial Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Memorial Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Memorial Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Memorial Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Memorial Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Facile, troppo facile pensare che i Carnality sono da rispettare solo perché sono attivi dal 1999 (e con uno hiatus compositivo di 7 anni). Più facile pensare, come in effetti è, che i Carnality sono da rispettare per aver fatto un grande signor secondo album, questo “Dystopia”, che condensa in 39 minuti una decina di curiosissime tracce death metal, tecnico e intricato a livello chitarristico nella prima parte della canzone, e decisamente più spietato e compatto dalla settima canzone in poi, che tra l’altro è anche quella che ho apprezzato maggiormente. È qui infatti che i Carnality si scatenano e ci donano una “Lord of Drones” con più riffs e assoli e meno fraseggi impazziti e maggior immediatezza del brano, nonché con la triade di canzoni finali a formare una suite dalle caratteristiche diverse eppure nettissime, dove la prima con un tempo lento ma molto scandito non la smette di tirare cartelle in faccia all’ascoltatore, la seconda continua su questa vena meno tecnica e da riffs più propriamente metal, e con la terza lenta, scandita e corale.
Il resto dei brani non è male, e anzi si fa notare un molto buono duo delle canzoni d’apertura, dove il death metal di questi riminesi diventa effettivamente meno d’impatto e decisamente più tecnico, passando anche per l’intricatissima terza canzone fino alla leggermente più compatta “The right of oblivion”, con solo la sesta canzone ad essere un po’ più nella media, ma per un risultato comunque apprezzabile, che dona poliedricità ad un album davvero che consiglio agli appassionati di death metal made in Italy, e che non presenta difetti degni di essere menzionati. Bravi!

Track by Track
  1. Abyssus Abyssum Invocat 75
  2. Doomsday 75
  3. Fall of the human ratio 75
  4. The right of oblivion 75
  5. God over human ruins 75
  6. A sysyphus drama 70
  7. Lord Of Drones 85
  8. Silent Enim Leges Inter Arma pt.1 A Simulacrum of Humanity 85
  9. Silent Enim Leges Inter Arma pt.2 Resignation 85
  10. Silent Enim Leges Inter Arma pt.3 The Gift of Anomie 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 27.03.2015. Articolo letto 908 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.