Perseus «The Mystic Hands of Fate» (2014)

Perseus «The Mystic Hands Of Fate» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Andreas X »

 

Recensione Pubblicata il:
26.05.2014

 

Visualizzazioni:
1677

 

Band:
Perseus
[MetalWave] Invia una email a Perseus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Perseus

 

Titolo:
The Mystic Hands of Fate

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Antonio Abate (Voce)
Cristian Guzzo (Chitarra)
Gabriele Pinto (Chitarra)
Alex Anelli (Basso)
Feliciano Lamarina (Batteria)

 

Genere:
Power Metal

 

Durata:
50' 14"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
03.03.2014

 

Etichetta:
Nadir Music
[MetalWave] Invia una email a Nadir Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nadir Music

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe
Code7 Distribution
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Code7 Distribution
CM Distro (Germania)
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di CM Distro (Germania)

 

Agenzia di Promozione:
Nadir Promotion
[MetalWave] Invia una email a Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nadir Promotion

 

Recensione

I Perseus sono una band pugliese al primo full length album. Sebbene si definiscano una band power metal, le influenze di Judas Priest ed Iron Maiden sono decisamente evidenti, sin dalla prima traccia di “The Mystic Hands Of Fate”: il che non deve necessariamente essere un punto a sfavore, nel senso che è decisamente interessante sentire come il combo brindisino ha fatto proprio lo stile soprattutto dei Maiden (l’influenza di Harris e soci è davvero forte), a supporto di testi e melodie particolarmente ispirati.
Caratterizzato da un songwriting coerente e non complicato, l’album è piacevole da ascoltare; si sente che non si tratta di musicisti di primo pelo (vengono tutti da importanti esperienze musicali). Spiccano i momenti più intimistici, in cui le chitarre acustiche la fanno da padrona, come nella bellerrima ballad “I’ll Be Alone” (perdonate l’allitterazione).
La produzione, affidata a Tommy Talamanca dei Sadist (che ha anche inciso le parti di tastiera), è esente da censure e valorizza la performance di ogni singolo musicista.
Consigliato, manco a dirlo, agli amanti degli Iron Maiden e dell’heavy metal britannico.

Track by Track
  1. Sons Of Kronos 60
  2. Over The Horizon 65
  3. Memories 65
  4. Bad Illusion 65
  5. I'm Your Flame 70
  6. Icarus Creed 65
  7. Devil In Disguise 70
  8. Dark Side O' Mine 70
  9. The Island 65
  10. I'll Be Alone 80
  11. The Tears Of Saturnus 65
  12. My Wicked Love To Rest 70
  13. Outro (The Reason Why) 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Andreas X » pubblicata il 26.05.2014. Articolo letto 1677 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.