Elyne «Syncretism» (2013)

Elyne «Syncretism» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Jezebel »

 

Recensione Pubblicata il:
22.10.2013

 

Visualizzazioni:
1797

 

Band:
Elyne
[MetalWave] Invia una email a Elyne [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Elyne

 

Titolo:
Syncretism

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Daniele Faccani - Voice & Guitar
Elia Magnani - Guitar & Voice
Alberto Moni - Bass & Voice
Dario Capacci - Drums

 

Genere:
Post-Hardcore

 

Durata:
13' 48"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
17.09.2013

 

Etichetta:
Thisiscore Label
[MetalWave] Invia una email a Thisiscore Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Thisiscore Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Thisiscore Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Thisiscore Label

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

"Syncretism" è il primo EP degli Elyne, band di Ravenna, nata nel 2012. La band elabora e rende più complesse le dinamiche del postmetal, cercando di far incontrare le tendenze prettamente melodiche a quelle principalmente distorte/aggressive. La melodia, che occupa un ampio spazio nel suono, riesce a mettere in risalto ancora di più l'altra faccia della medaglia, il dark side del pianeta Elyne. Inserti di elettronica, poca matematica, una struttura piuttosto tradizionale dei brani, provano il fatto che la band ha intenzione di sganciarsi dalla voglia di strafare e dal timore di voler essere qualcun/qualcosa d'altro a tutti i costi. Il gioco di specchi delle linee vocali fa da collante e da tratto caratteristico della musica degli Elyne. "This nightmare must be ending" è un brano dalla voce dritta e piena, dall' impatto frontale, con riff e giro di chitarra che costituiscono il main theme e tengono insieme le componenti. In" Dead or asleep" c'è un'efficace alternanza tra vocals pulite e scream, accompagnata da un inarrestabile ritmo, che si alleggerisce solo per rilanciare maggiormente la melodia frizzante e nervosa che caratterizza tutto il brano. In "Syncretism" viene messa in gioco una maggiore quantità di suono: riff e growl furiosi e ripieni di aggressività cercano l'accordo con riff/vocals pulite e solari, attendendo il miracolo del sincretismo. "Buried in the sky" ha battute spesse, cascate di suono, wilderness sonora che solo le linee melodiche riescono ad ingentilire ed ammaestrare. Gli Elyne cercano di alzare il tiro e viaggiare ad altezze più consone alla loro apertura alare, non sottovalutando il valore della portanza del suono per arrivare a rompere certe barriere tipiche delle tendenze metalcore e postmetal contemporanee. "Syncretism" rappresenta un buon inizio per una band di recente formazione, che svela le proprie carte, cala gli assi e cerca il giusto calibro per centrare l'obiettivo.

Track by Track
  1. This nightmare must be ending 70
  2. Dead or asleep 70
  3. Syncretism 75
  4. Buried in the sky 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Jezebel » pubblicata il 22.10.2013. Articolo letto 1797 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.