The Modern Age Slavery «Requiem For Us All» (2013)

The Modern Age Slavery «Requiem For Us All» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Karmator »

 

Recensione Pubblicata il:
01.03.2013

 

Visualizzazioni:
2173

 

Band:
The Modern Age Slavery
[MetalWave] Invia una email a The Modern Age Slavery [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Modern Age Slavery [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Modern Age Slavery

 

Titolo:
Requiem For Us All

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Giovanni Berselli - Vocals
Luca Cocconi - Guitar
Simone Bertozzi - Guitar
Mirco Bennati - Bass
Stefano Brognoli - Drums

 

Genere:
Deathcore / Death Metal

 

Durata:
33' 33"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
19.03.2013

 

Etichetta:
Pavement Entertainment Inc.
[MetalWave] Invia una email a Pavement Entertainment Inc. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pavement Entertainment Inc. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Pavement Entertainment Inc.

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
ClawHammer PR
[MetalWave] Invia una email a ClawHammer PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di ClawHammer PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di ClawHammer PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di ClawHammer PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di ClawHammer PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di ClawHammer PR

 

Recensione

Parliamo di un'uscita importante del panorama extreme nostrano e Mondiale. Con una bastonata dritta nelle caviglie ci arriverà il 19 marzo 2013 il nuovo e devastante album dei Modern Age Slavery. Un full-leght di poco più di mezz'ora senza sosta e senza pietà che vi farà innamorare subito senza aver bisogno di moltissimi e ripetuti ascolti. Ci troviamo di fronte ad uno dei migliori episodi brutal metal del 2013 con influenze che spaziano dal deathcore più aggressivo dei The Black Dahlia Murder, alle velocità supersoniche di Aborted o Behemoth aggiungendo quella pura e cruda cattiveria alla Hate Eternal. Mettiamo una spruzzata violenta di tecnica alla Obscura più il cantanto straziante alla Decapitated ed eccoci qua i Modern Age Slavery. Ma non abbiate paura, non sono la copia di nessun gruppo sopracitato, suonano che è una meraviglia con tanta di quella violenza da spaccarvi l'impianto stereo e le finestre di casa vostra. "Requiem For Us All" contiene ogni cosa che un album extreme necessita per essere inserito nella "Hall of Fame" del 2013. Suonano con energia, passione, pathos e fantasia per quanto questo genere ne possa concedere. Non troviamo una sola nota, un solo riff fuori posto. Giovanni al microfono è davvero un orso incazzato, Stefano alle pelli è una macchina, un computer, meglio di una drum machine, Luca e Simone si destreggiano in riff e assoli da capogiro sempre ben studiati e ispirati mentre Mirco dona il tappeto di suoni bassi e cupi con il suo 4 corde amati tantissimo dal sottoscritto. Un missaggio da favola e suoni incredibilmente naturali sono il contorno devastante di questo fantastico CD. Ogni traccia ha una sua natura, una sua spina dorsale e una sua personalissima anima che distrugge e strazia l'ascoltatore. Dall'apertura "Requiem For Us All" fino alla decima "Arise" non possiamo fare altro che lasciarci travolgere da una valanga di brutalità e doppia cassa mista a blast-beat, chitarre violente ma belle corpose e un cantanti pieno di odio. Non si scende mai sotto i 230 bpm quindi gli amanti dell'extreme sono avviasti (ma non mezzi salvati), voglio citare "Slaves of Time" con un break-down che farebbe impallidire chiunque, anche il tecnico del suono che ha curato l'album. "Icon of a Mad World" invece ha un ritmo calzante da mosh-pit arrogante con una ritmica impressionante, un capolavoro. Poi non rimane altro che prepararsi a dovere e mettersi in testa che non si scherza più, continuo a dirlo da tempo ormai su Metalwave, l'Italia ha dei gruppi che Valgono, questi sono uno di questi, uno di quei gruppi che paragonati a quelli oltre oceano fanno paura. Ragazzi mettete via i vostri 15euro della paghetta o del lavoro, perché sarà un must da avere assolutamente. Grazie Modern Age Slavery, orgoglio italiano.

Track by Track
  1. Requiem For Us All 95
  2. The Dawn Prayer 95
  3. Obedience 95
  4. The Silent Death of Cain 95
  5. Ivory Cage 95
  6. Opiate of the Masses 95
  7. Slaves of Time 100
  8. Icon of a Mad World 100
  9. Requiem to My Nation 90
  10. Arise 95
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 95
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 95
  • Tecnica: 95
Giudizio Finale
95

 

Recensione di Karmator » pubblicata il 01.03.2013. Articolo letto 2173 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.