Ural «Psychoverse» (2023)

Ural «Psychoverse» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Bata »

 

Recensione Pubblicata il:
23.06.2024

 

Visualizzazioni:
168

 

Band:
Ural
[MetalWave] Invia una email a Ural [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ural [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Ural

 

Titolo:
Psychoverse

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Stefano Cipriano Moliner Bass
Filippo Torno Drums
Alex Gervasoni Guitars
Luca Caci Guitars
Andrea Calviello Vocals

 

Genere:
Crossover / Old School Thrash Metal

 

Durata:
38' 30"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
10.10.2023

 

Etichetta:
Xtreem Music
[MetalWave] Invia una email a Xtreem Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Xtreem Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Against PR
[MetalWave] Invia una email a Against PR
Cerberus Booking
[MetalWave] Invia una email a Cerberus Booking [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cerberus Booking [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Cerberus Booking

 

Recensione

Per sta recensione ci spostiamo in Piemonte, andando a pescare gli Ural ed il loro terzo album.
Già il fatto che suonano un bel mix di thrash vecchia scuola e crossover (dato da quel tocco di hardcore che non guasta mai) me li fa amare; non avendo ascoltato i precedenti lavori non ho termini di paragone ma questo album, come detto prima, mi piace.
Sette pezzi più l’outro “66.6 F.M. che riportano alla mente gruppi storici come Voivod, Anthrax e principalmente il thrash della Bay Area.
Da applausi la voce di Andrea Calviello (chi ha detto che ricorda il grande John Bush?), che guida la band in un lavoro originale; aiutato e non poco dal lavoro alle chitarre di Luca Caci ed Alex Gervasoni. Ascoltate canzoni tipo “Blood Red Sand” e “Fall Of The One World” e ditemi; da applausi anche “Heritage” e “Nightmare”.
Il brano più ricco di variazioni sul tema penso sia “Uncanny Valley”, inno a tempi che furono; poi una bella mazzata sui denti con “Carousel Of Hell”; bella trovata anche l’outro “66.6 F.M.” con un lungo stacco acustico che ci porta direttamente all’inferno. Ma da brividi anche l’inizio del disco con tutta una serie di urla e latrati da licantropo (in bella vista sulla copertina).
Prima di chiudere non posso dimenticare i restanti due componente della band: Stefano Cipriano Moliner e Filippo Torno, una line up ormai stabile dal 2019.
Sarò un vecchiaccio nostalgico ma per me promossi a pieni voti.

Track by Track
  1. Drag Me to the Wolves 85
  2. Heritage 80
  3. Nightmare 75
  4. Blood Red Sand 75
  5. Fall of the One World 80
  6. Uncanny Valley 75
  7. Carousel of Hell 75
  8. 66.6 F.M. 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Bata » pubblicata il 23.06.2024. Articolo letto 168 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.