«Alive: 35 Tour»

Data dell'Evento:
13.05.2008

 

Nome dell'Evento:
Alive: 35 Tour

 

Band:
Kiss

 

Luogo dell'Evento:
Arena di Verona

 

Città:
Verona

 

Promoter:
Barley Arts

 

Autore:
Atoragon»

 

Visualizzazioni:
659

 

Live Report

[MetalWave.it] Immagini Live Report: Nessuna Descrizione Ragazzi, che serata! Non si è trattato solo di un concerto, di una semplice esibizione di canzoni dal vivo, ma di una celebrazione, del ritorno, anche se solo per due ore, ad un mondo musicale che oggi non c'è più. Si potrebbe discutere per ore sui perchè e sui per come, molti di questi discorsi sono scontati, ma preferirei soffermarmi piuttosto su quello che è stato, personalmente è stato il coronamento di almeno dieci anni di fedeltà ai Kiss, tanto che la loro maglietta che avevo indosso, da nera, nel corso degli anni è diventata grigio-chiara. La band, come da tradizione (Questo tour celebra il loro trentacinquesimo anniversario), ha riportato in giro per il mondo il loro circo rock n'roll, che spazza via ogni concorrenza in sede live, per dimensioni, presenza di megaschermi con varie telecamere, fuochi d'artificio e spettacoli di ogni genere. Il concerto si è tenuto all'Arena di Verona, un luogo stupendo per un evento del genere, sotto un cielo perfettamente pulito ed una luna enorme, dopo una giornata trascorsa tutta sull'orlo dei 30 gradi (quindi l'atmosfera era già calda), poi dopo un gruppo di apertura assolutamente insignificante, la celebrazione si è ripetuta ancora una volta, con una prima metà concerto incentrata su pezzi un po'più “particolari”, tratti dal repertorio dello storico live “Alive!”, per poi dopo una pausa giungere a tutti i classici che il pubblico si aspettava, da “Rock n'Roll All Nite” a “Shout it Out Loud”, passando per tutti i siparietti che li hanno resi famosi, da Gene Simmons che si copre di sangue e vola fino in cima al palco sostenuto da una gru (da dove canterà una fantastica “I Love it Loud”), a Tommy Thayer (sostituto di Ace Frehley) che spara con la chitarra fuochi d'artificio durante un assolo, fino alla batteria di Eric Singer che si solleva a diversi metri dal palco in una nuvola di vapore. Inutile parlare dei coriandoli lanciati, dei fuochi d'artificio, e di tutto quello che è praticamente scontato in un concerto dei Kiss, che non è paragonabile con nessun'altra esperienza live al mondo, inutile parlare del fatto che a sessant'anni la voce comincia a venir meno ai nostri eroi (è normale, alcune canzoni sono su tonalità altissime che già al tempo erano quasi impossibili da cantare, come “I Was Made for Loving You”), inutile parlare della forma impressionante di cui godono e dell'esperienza con cui intrattengono e stregano il pubblico, sono cose ovvie da decenni. L'unica cosa che è importante dire è che torneranno a Milano a giugno, prima di tornare in America, e che chi non li ha ancora mai visti dal vivo non può commettere l'errore di perderseli di nuovo, visto che l'ultima volta sono venuti circa dieci anni fa, e che non è così scontato che torneranno a settant'anni. Uno spettacolo indimenticabile, conclusosi tra gli applausi e gli ultimi coriandoli svolazzanti.

 

Immagini della Serata

 

Recensione di Atoragon Articolo letto 659 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.