Askesis «Beyond the Fate of Death» (2023)

Askesis «Beyond The Fate Of Death» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
27.01.2024

 

Visualizzazioni:
122

 

Band:
Askesis
[MetalWave] Invia una email a Askesis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Askesis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Askesis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Askesis

 

Titolo:
Beyond the Fate of Death

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Nico Fabbri :: vocals;
- Laura Nardelli :: bass;
- Samuele Scalise :: drums;
- Gregorio Di Angilla :: guitar;
- Juri Vatova :: guitar;

 

Genere:
Black / Death Metal

 

Durata:
37' 19"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.10.2023

 

Etichetta:
Time To Kill Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Time To Kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Time To Kill Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Anubi Press
[MetalWave] Invia una email a Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anubi Press

 

Recensione

Il debutto dei veneziani Askesis è questo “Beyond The Fate Of Death”, un disco che vede la sua uscita a dieci anni di distanza dalla formazione della band e dal rilascio di una demo ed un Ep. Il lavoro si presenta con il classico assetto del death metal più classico in cui riff imponenti e ritmiche serrate caratterizzano le otto tracce del lavoro. Diretto e ben propositivo il growl che, tra un brano e l’altro, assume sempre dei buoni connotati, al pari anche delle svariate melodie che compaiono inaspettatamente nel corso dell’esecuzione dei brani tanto da racchiudere al proprio interno anche qualche contesto più adombrato di matrice black metal. In una mezz’ora di ascolto si assiste in sostanza ad un qualcosa che, tra potenza, oscurità, melodie e quant’altro di analogo riesce a soddisfare e a farsi compiutamente apprezzare; indubbiamente le prove migliori ricadono, dopo la potenza indiscussa di “Retaliation”, nel successivo “Creation Of Non Existence” uno dei brani più belli e travolgenti del platter che, tra stop n’ go, arpeggi, melodie e andature black metal un po’ alla Dark Funeral e Behemot, conquista gli animi dei più intransigenti. Più spinoso ma non per questo meno apprezzabile è “Logical Suicide” piuttosto accelerato e caratterizzato da un assetto strutturale dissonante ma dannatamente da presa; nuovamente la simmetria black death metal oscuro e nero prende corpo con “Dawn of Current Inferno” brano granitico e allo stesso tempo melodico; non male neppure “Stone Of Perdition” e “With No Death that Chases Us”, brani assai potenti e nuovamente strutturati in una logica sensata sia sotto il profilo ritmico che naturalmente melodico. Il debutto offre e presenta, oltre che una buona produzione, anche una band che nel corso del tempo ha maturato una propria logica che abbraccia e trova credo nella miscela esplosiva del death ma anche nei meandri più tenebrosi del black al punto da glorificare in maniera entusiasmante questo primo traguardo.

Track by Track
  1. Retaliation 70
  2. Creation of Non-Existence 80
  3. Logical Suicide 75
  4. Dawn of Current Inferno 70
  5. King of Somberness 70
  6. Stone of Perdition 75
  7. With No Death that Chases Us 70
  8. Black Ontology 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 27.01.2024. Articolo letto 122 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.