Morcolac «Drawbridge To Citadel Of No More Dawn» (2024)

Morcolac «Drawbridge To Citadel Of No More Dawn» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
15.01.2024

 

Visualizzazioni:
560

 

Band:
Morcolac
[MetalWave] Invia una email a Morcolac [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Morcolac [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Morcolac

 

Titolo:
Drawbridge To Citadel Of No More Dawn

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
SadoMaster: vocals, guitars, bass
Azghâl: synths
Bestia: drums

 

Genere:
Vampyric Black metal

 

Durata:
29' 16"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
02.02.2024

 

Etichetta:
Dusktone
[MetalWave] Invia una email a Dusktone [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dusktone

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Notevole questo Maxi Cd di sei tracce forgiato dai Morcolac, uscita successiva a due full lenght risalenti al 2021 e al 2022, in cui la band rivendica le trazioni finniche della più oscura branca appartenente al black metal vampirico. I contenuti di questo “Drawbridge To Citadel Of No More Dawn” sono notevoli, un vero e proprio maleficio che si propaga per una mezz’ora di ascolto e che conquista facilmente gli adepti più fedeli alla vecchia scuola del black metal anni ’90. Al di là di una produzione eccellente e suoni decisi e potenti, i contenuti del disco sono forgiati da una miscela esplosiva dove malvagità e marciume prendono continuamente il sopravvento tra synth e chitarre per offrire intense quanto incessanti melodie ma anche tantissima adorazione verso il maligno. Intenso e straordinario lo scream che conquista l’ascoltatore insieme alle andature generate in un contesto che abbraccia ad oltranza mid tempo e accelerazioni tutt’altro che scontate. Le tracce, tra cui “The Chant Of Barbarian Wolves”, cover dei Satanic Warmaster, si susseguono in maniera legata l’una all’altra rendendo quasi magici i contenuti e le vicende pressate in questa avventura che si sussegue tra mondi fantastici, creature malvagie e foreste oscure così da proporre da un lato, l’oscurità del black metal sinfonico e, dall’altro, tutta la più intransigente malignità legata al black metal appartenente ad un trentennio fa. Che altro dire se non spolpare sino all’ultima goccia di sangue questo eccellente lavoro nel mentre rimaniamo in attesa del prossimo terzo album di questa band che indubbiamente, dai presupposti di questo piccolo capolavoro, si prospetta come un disco di straordinaria fattura? Ep da possedere a tutti i costi.

Track by Track
  1. Witchblessed Nightwalz 85
  2. Memorialmoon Narrates The Morbose 90
  3. Dungeon Dustears 90
  4. Wormchalice Of The Dirtiest Church 85
  5. The Chant of Barbarian Wolves 85
  6. ...And In The End We Only Saw The Shameful Rays 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
86

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 15.01.2024. Articolo letto 560 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.