Nadsat «Torn Times» (2023)

Nadsat «Torn Times» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
11.10.2023

 

Visualizzazioni:
416

 

Band:
Nadsat
[MetalWave] Invia una email a Nadsat [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nadsat [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Nadsat [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Nadsat

 

Titolo:
Torn Times

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Michele Malaguti :: Guitars and Vocals;
- Alberto Balboni :: Drums;

 

Genere:
Heavy Noiserock

 

Durata:
26' 46"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
07.04.2023

 

Etichetta:
Extreme Gestalt
[MetalWave] Invia una email a Extreme Gestalt
Overdrive
[MetalWave] Invia una email a Overdrive [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Overdrive [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Overdrive

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il duo bolognese dei Nadsat band specializzata in noise rock, rilascia dieci tracce per il loro “Torn Times”, un disco di matrice sperimentale forte di un sound saturo e violento che abbandona la vecchia concezione precedentemente adottata del mathcore. Le urla in assetto scream si perpetuano per tutta la durata del lavoro unitamente alla maniacale ripetizione di riff distorti al massimo della potenza e rilasciati da una chitarra abbastanza grezza che si unifica molto bene alla folle ritmica della batteria ben scandita e mai eccessivamente accelerata. Il duo incontra così il proprio potenziale durante l’ascolto delle tracce proponendosi come obiettivo primario quello di sprigionare tutta la rabbia possibile anche sugli ascolti di breve durata; l’idea sembra riuscire e, in un’alternanza sonora che talvolta genera atmosfere semi claustrofobiche o spazi destinati a qualche sporadica melodia, la band è fiera di sé stessa. In ogni caso, pur trattandosi di un duo con alle spalle altre uscite, indubbiamente la nuova fatica sembra portare dei punti in più in favore della band soprattutto se si prendono in considerazione alcune tracce tra cui “Brand New” o il potentissimo “Cloud 666” che poi incentra altro potenziale su “Body Fluid” o ancora su “Not the One”. Il lavoro, non essendo adatto ad una platea generale ma più che altro ad una nicchia ristretta, si rivela come un album distruttore, pregno di odio e rammarico caratterizzato dall’essere assolutamente diretto, che non passa per vie traverse ma che colpisce e fa male.

Track by Track
  1. Holy Flesh 70
  2. Make My Day 70
  3. Brand New 75
  4. Millennial Bug 75
  5. Cloud 666 75
  6. Body Fluids 70
  7. Cabin Porn 70
  8. Not The One 65
  9. Untied 70
  10. Self Aware 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 11.10.2023. Articolo letto 416 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.