Ulvedharr «Inferno XXXIII» (2023)

Ulvedharr «Inferno Xxxiii» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Sabba Maledetto »

 

Recensione Pubblicata il:
22.04.2023

 

Visualizzazioni:
645

 

Band:
Ulvedharr
[MetalWave] Invia una email a Ulvedharr [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ulvedharr [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ulvedharr [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Ulvedharr

 

Titolo:
Inferno XXXIII

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Ark Nattlig Ulv, chitarra e voce
Jack, chitarra
Alessandro Lera, chitarra
Markus Ener, basso
Mike Bald, batteria

 

Genere:
Death Metal

 

Durata:
34' 40"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
21.04.2023

 

Etichetta:
Scarlet Records
[MetalWave] Invia una email a Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Scarlet Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Tremate! Gli Ulvedharr sono tornati a scuotere le scene del metal italiano con il loro death metal rombante e belluino senza mezze misure per iniettare devastanti secrezioni adrenaliniche in grado di provocare attacchi tachicardiaci da risultare senza ombra di dubbio fatali se un orecchio poco allenato si azzardasse ad ascoltare queste sonorità.
Inferno XXXIII è il nome dell’album che ci presentano gli Ulvedharr, un distruttivo terremoto sonoro partorito dalle influenze musicali di band come Carcass e Napalm Death in grado di spazzar via un’intera regione geografica nel lasso di tempo che intercorre dall’esecuzione di una plettrata ad un’altra, lasciando macerie su cui l’ascoltatore potrà ballarci sopra fino a quando non si renderà conto, una volta finito l’album, della desolazione che la tempestiva ed apocalittica musica degli Ulvedharr ha lasciato dietro di sé.
La chitarra è una raffica assassina di gramolanti e vorticosi riff sparati ad una velocità missilistica con un perfetto abbinamento di una miriade di assoli più tecnici che permettono alla componente melodica dell’album di emergere sulla parte più estrema con cui gli Ulvedharr danno prova di essere una band la cui fantasia musicale raggiunge livelli superbi ed inarrivabili.
Nonostante in molte band extreme metal non giochi un ruolo granché fondamentale, gli Ulvedharr sono riusciti a conservare una parte importante sul palco anche al basso: estremamente distorto, veloce e pesante; il basso accompagna il ritmo grazie ad un forsennato lavoro di dita che colpiscono le corde dello strumento sprigionando vibrazioni sonore che causano pericolose incrinazioni in ogni osso del malcapitato ascoltatore.
La batteria rimbomba come i colpi di una pistola automatica sparati in una casseruola, tenendo il tempo ad una precisione chirurgica invidiabile spaccando ogni secondo ad una rapidità inaudita ed ad una durezza incompromissoria dando genesi ad un headbanging talmente compulsivo da far riaprire la “fontanella” a colpi del cervello battuto continuamente sulle pareti interne della scatola cranica.
La voce è espressa tramite grugniti corrosivi e putrescenti spinti da una furia animalesca che investe l’ascoltatore in pieno facendolo tremare da capo a piedi in preda ad una fitta di convulsioni deliranti e frenetiche.
Brutale ed estremo, Inferno XXXIII è un disco che spingerà il vostro sistema neurale a produrre scariche di dopamina in eccesso che si propagheranno lungo tutte le vostre membra sballottandovi con una potenza tale che sarà un miracolo se resterete vivi dopo l’ascolto: se amate il death metal distruttivo, feroce, tecnico e senza esclusione di colpi; se amate la musica dura e fatta con l’autentico stile crudo delle band di metal estremo, gli Ulvedharr, con questo nuovo disco, sapranno soddisfare ogni singolo vostro bisogno.

Track by Track
  1. A Full Reload Of Fear 75
  2. Wasteland 80
  3. Revenge Loop 85
  4. Dagon 75
  5. Master Liar 80
  6. The Edge 80
  7. Eternal Attack 75
  8. Their Game 75
  9. A New God 75
  10. Oblivion S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Sabba Maledetto » pubblicata il 22.04.2023. Articolo letto 645 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.