ALEX CROSS: esce oggi il nuovo album ''Crosswords''

ALEX CROSS: esce oggi il nuovo album ''Crosswords'' Esce oggi, 12 Marzo “Crosswords”, per Wanikiya, il nuovissimo lavoro discografico dell’artista Alex Cross! Il disco sarà disponibile in formato digitale, su tutti i music store digitali, sul nostro shop Giapponese e sulla nostra vetrina su Crash Sound Distribution! Un disco pieno di emozioni, tecniche musicali, atmosfere che vi coinvolgeranno a pieno

BIO ITA
A.C., artisticamente noto come Alex Cross, è un compositore, produttore e chitarrista. Nato a Roma, ha intrapreso un viaggio musicale che ha oltrepassato i confini, vivendo in vari paesi in Europa e America. Lungo il percorso ha assorbito culture diverse cosi come stili musicali arricchendo la sua tavolozza creativa.
Dopo anni di composizione, preparazione e performance all’estero, Alex Cross ha recentemente unito amici e maestri della musica da varie parti del mondo. Sotto la sua guida, hanno così interpretato le melodie da lui create durante il suo percorso.
Il progetto musicale di Alex Cross quindi nasce e ruota attorno a una trilogia avvincente di album intitolata “Stories from life”. Questa trilogia si sviluppa in tre distinti capitoli:
“Crosswords”: In questo primo album, Alex collabora con artisti riconosciuti come Claudio Pietronik, Loida Liuzzi, Pascal Caraballo, Rafael Suncar e Ivanova Casimiro.
Man mano che procediamo attraverso la trilogia, altri talenti si uniranno a questo viaggio creativo nei capitoli successivi dal nome “Hearts” e “Unity”.
Le composizioni di Alex Cross fungono da elegie, celebrando la vita attraverso il linguaggio universale della musica. La sua abilità si estende dalla cura delle performance agli standard di registrazione, garantendo la sincera trasmissione delle emozioni agli ascoltatori. Il prisma dei generi musicali che esplora è unificato da un approccio comune: la narrazione.
Immergetevi quindi in questa ricca trama di suoni, dove i confini si dissolvono e l’esperienza umana risuona profondamente. Il viaggio non finisce qui: anche le arti visive svolgono un ruolo fondamentale: talentuosi designer contribuiscono ad arricchire la dimensione visiva del progetto, creando un incontro artistico coinvolgente.
Alex Cross ci invita a esplorare, ascoltare e sentire una fusione armoniosa di musica e sentimento.

DESCRIZIONE Brani:

Vecchi nastri
una struggente ballata rock che riecheggia nei corridoi della memoria, rende omaggio alla musica rock classica di un tempo. Le sue note, come fotografie sbiadite, catturano l'essenza dei dischi in vinile e delle cassette polverose.
Immaginate una stanza poco illuminata, adornata da poster di band leggendarie. L'aria porta con sé il profumo della nostalgia: una miscela di giacche di pelle invecchiate e vinili scoppiettanti. Gli accordi di chitarra strimpellati con riverenza, ogni riff un segreto sussurrato e condiviso da generazioni.
La tenerezza si intreccia con i testi: il dolore delle estati perdute, il calore dei mixtape condivisi. È un sentito tributo agli inni che hanno plasmato le anime, gli inni che ancora riecheggiano nei bar fumosi e nelle autostrade aperte.
"Old Tapes" ci invita a riavvolgere le nostre vite, a vedere la bellezza e, mentre l'accordo finale indugia, troviamo conforto negli echi: un requiem per il rock 'n' roll, impresso per sempre nelle nostre anime.

CROSSWORDS - la canzone
"Cos'è la vita se non un cruciverba?", riflette Alex Cross, svelando l'enigma. Ogni indizio, un frammento di esperienza; ogni risposta, una rivelazione. Noi lo attraversiamo, riempiendo gli spazi vuoti, cercando una coerenza nel caos. La griglia si espande, rispecchiando il nostro viaggio: una danza di lettere, una danza di vita.
In questo grande puzzle, siamo sia risolutori che creatori. Scriviamo le nostre storie, intersecando i percorsi con altri, tessendo narrazioni attraverso la distesa in bianco e nero. E forse, solo forse, l'indizio finale ci attende.

LA ROCCIA E IL MARE
Nel silenzio del crepuscolo, dove l'orizzonte bacia l'eternità, Alex Cross culla la sua chitarra, contenitore di storie non dette. Le sue dita tracciano i tasti e le corde cantano segreti.
La roccia è una sentinella, un guardiano consumato dalle intemperie. La sua superficie aspra, incisa dal tempo, rispecchia le cicatrici dell'esistenza. È stata testimone di tempeste e tramonti, ha sussurrato alla luna e ha sostenuto il peso di innumerevoli sogni. La roccia è salda, una confidente silenziosa.
E là, oltre la riva, il mare si dispiega come un arazzo liquido. Le sue onde tessono ricordi: il sapore del sale, l'eco dei gabbiani, la danza delle maree. Il mare è insieme tempesta e ninna nanna, una sinfonia di profondità. Lo sguardo di Alex è smarrito: un marinaio senza bussola né mappa. Le note si diffondono, creando un ponte tra roccia e mare. La sua melodia è un ponte, un fragile filamento che collega terra e acqua. La chitarra ronza, risuonando con il battito dell'esistenza.
E senza rendersene conto, non c'è più distanza. La vista è bellissima, così intima. Non è un legame, siete un tutt'uno.
La roccia, il mare, la musica: si fondono in un unico battito cardiaco.
In questa fantasticheria crepuscolare, Alex Cross diventa l'accordo che unisce, un trovatore di unità. La sua composizione sussurra al vento e le stelle si avvicinano. La roccia ascolta, il mare ondeggia e l'universo annuisce a ritmo.
Lasciate che il vostro sguardo si soffermi. Lasciate che le note vi inondino. Perché in questo momento voi siete la roccia, il mare e la melodia: una squisita convergenza dell'essere.
"The Rock and the Sea" non è una semplice composizione, ma un invito a perdersi, a ritrovarsi e a diventare la musica.

RETTIFICHE
una ballata rock strumentale che tesse il tessuto dell'esperienza umana. Inizia con l'eco di un sentiero non percorso, di un passo tralasciato, di una parola non detta o di un'occasione non colta. Le note risuonano con il peso delle opportunità mancate.
Rabbia e dolore emergono, si intrecciano come l'edera e attanagliano il cuore. Danzano sui pentagrammi, reclamando attenzione. Il crescendo si fa più serrato, trascinandovi nella loro tempesta. Alla fine si cerca rifugio nell'illusione, un fragile santuario dove fioriscono realtà alternative.
Immaginate un'esistenza parallela: la strada percorsa, le parole pronunciate, i trionfi celebrati. In questo regno immaginario, cosa sarebbe stata la vita? La musica si sposta, dipingendo questa realtà diversa con pennellate di desiderio e possibilità.
Questi tre stati - memoria, rabbia e immaginazione - si intrecciano senza giudizio. Sono i fili della nostra umanità condivisa, intessuti nell'arazzo dell'esistenza. Tutti noi ci siamo trovati a questo bivio, abbiamo sentito il dolore di ciò che avrebbe potuto essere e abbiamo trovato conforto nelle melodie dell'accettazione.

ADDIO
Nel delicato gioco di melodia e pennellate, troviamo conforto, ricordandoci che i nostri legami con gli altri, anche quando portano a degli addii, rimangono impressi nei nostri cuori. I nostri cuori pellegrini porteranno sempre con sé il peso dei ricordi condivisi, delle risate e delle lacrime. Navigano sui sentieri tortuosi dell'esistenza, tessendo un arazzo di amore e comprensione. Mentre le note della canzone indugiano e i colori si mescolano, onoriamo coloro che hanno camminato al nostro fianco, lasciando le loro impronte nelle nostre anime. Gli addii non devono essere necessariamente dolorosi, ma possono essere una celebrazione di ciò che è stato, un capitolo prezioso nella grande sinfonia della vita. Che il vostro cuore di pellegrino possa continuare a trovare pace negli echi delle esperienze condivise, sapendo che ciò che è stato reale risuonerà per sempre dentro di noi.
VITTORIA Lo amiamo tutti, in tutte le sue forme. Ascolterete qui la mia preferita: gioiosa e unanime, una vittoria corale.

IL PIÙ GRANDE CORRIDORE
riecheggia l'antica storia di valore e sacrificio. Le sue note, come il battito del cuore di un maratoneta, rispecchiano i passi di un soldato ateniese che corre contro il tempo e il destino.
Immaginate le pianure assolate di Maratona, dove lo scontro di lance e scudi riverbera. Il respiro del soldato si mescola alla polvere sollevata dai suoi sandali. Il suo cuore batte a ritmo di ogni passo.
Ma questa non è una gara qualunque. La città di Atene lo attende, arroccata sul filo della speranza e dell'incertezza. Quando si avvicina alle porte, i polmoni del soldato bruciano e le gambe minacciano di cedere. Ma continua ad andare avanti, spinto da un unico scopo: pronunciare la parola che riecheggerà nella storia. E poi, con le ultime riserve di forza, pronuncia la parola: "NNενικήκαμεν" ("Abbiamo vinto").
In quel momento, vittoria e mortalità si scontrano.
Le parole di Plutarco prendono vita: il messaggero che portava la notizia del trionfo, che gettava un ponte tra la vita e la leggenda.
"The Greatest Runner" intreccia questo racconto: un'elegia alla resistenza, allo spirito indomito che trascende la carne e le ossa. La musica si gonfia, portando l'eredità del soldato attraverso i millenni. E quando la nota finale si affievolisce, ricordiamo che la forza o la velocità non sono nulla senza lo strumento più prezioso che ci è stato donato, la resistenza che proviene dal nucleo più profondo del nostro essere.

TERRE DI DOMANI
si dispiega come un arazzo tessuto da mani che viaggiano nel tempo. Dipinge la visione di un mondo futuro, dove le tinte dell'esistenza persistono, ma con una modernità convulsa e gloriosa.
Immaginate una tela stesa all'orizzonte, pennellata con pennellate vibranti. I tramonti si tingono di blu elettrico e rosa neon, proiettando ombre sui grattacieli che bucano il cielo. Le strade pulsano di vita. In questo domani, la tavolozza dei colori rimane familiare: i verdi verdeggianti della natura, i blu cerulei degli oceani e i rossi infuocati della passione. Ma ora si armonizzano con il battito dell'innovazione. È un mondo in cui i sogni si scontrano con i circuiti, in cui il passato danza con il futuro. E in questo caleidoscopio, noi troviamo il nostro posto, una pennellata nel grande ritratto del domani.

IN GRAZIA
Avete mai provato quel momento? È l'abbandono: tutto continua a esistere, nulla è negato ma non ti copre né la gioia né il dolore, è solo l'essere.
Questa sinfonia senza parole nasce dall'anima stessa della vita. Immaginate un tramonto dorato, dove i raggi del sole si fondono con l'orizzonte. È un abbandono, una resa alla bellezza. L'abbandono è la chiave: non c'è resistenza, solo accettazione. Tutto continua a esistere, ma non si ammanta di gioia o di dolore. È semplicemente essere.

 

Inserita da: Jerico il 12.03.2024 - Letture: 195

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.

Altre News di MetalWave