L'Alba di Morrigan «I'm Gold, I'm God» (2021)

L'alba Di Morrigan I'm Gold, I'm God | MetalWave.it Recensioni Autore:
Sabba Maledetto »

 

Recensione Pubblicata il:
19.04.2022

 

Visualizzazioni:
291

 

Band:
L'Alba di Morrigan
[MetalWave] Invia una email a L'Alba di Morrigan [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di L'Alba di Morrigan [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di L'Alba di Morrigan [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di L'Alba di Morrigan

 

Titolo:
I'm Gold, I'm God

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Ugo Bellisai, voce e synth
Giampiero Bellisai, chitarra
Raffaele Carano, chitarra
Gianni Vallino, chitarra
Osmar M. Santucho, basso
Marco Rossini, batteria

 

Genere:
Decadent Post Metal / Dark Gothic

 

Durata:
57' 30"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
18.06.2021

 

Etichetta:
My Kingdom Music
[MetalWave] Invia una email a My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di My Kingdom Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Non conoscevo affatto la band a cui ho recensito questo disco, ma appena visto il nome ed il genere da loro suonato ne sono stato subito attratto perciò, spinto dalla curiosità, ho ascoltato il loro album ed i pareri che ho sviluppato dopo averlo fatto sono risultati molto contrastanti.
L’Alba di Morrigan è un progetto musicale nato nel 2008 a Torino che è cresciuto professionalmente per le tematiche incentrate su esoterismo, misticismo e spiritualismo palesemente riflesse nelle sonorità dei dischi del gruppo che sono oscure, tetre e funeree. Dopo una carriera musicale che non voglio permettermi di sminuire suonando di spalla ai Katatonia, agli Anathema ed ai Paradise Lost (il cui stile è stato fonte d’ispirazione per L’Alba di Morrigan), il gruppo torna a ricordarci la sua esistenza il 18 luglio 2021 con l’album I’m Gold, I’m God che, dopo averlo ascoltato, posso dire che ho i miei motivi se da una parte sono soddisfatto mentre dall’altra sono alquanto deluso.
Il disco si apre con Satya Yuga, sicuramente un buon inizio se prendiamo la prima parte che comincia con melodie arcane e perfettamente orecchiabili, ma che scade già dopo sei secondi buoni per via di quel sintetizzatore che ronza senza lasciare spazio agli altri strumenti e rende la qualità audio (a mio modesto parere) molto imperfetta, a cui non riesco proprio a dare un giudizio a pieni voti.
Stesso discorso riguardo la chitarra, anch’essa espressa con riff influenzati dal doom e dal drone metal tramite ronzii continui salvo in alcuni intervalli che (e devo dargliene atto) prendono forma in una notevole tecnica di assoli davvero niente male.
Anche la batteria merita il suo giusto spazio: è profonda, cupa e cavernosa ma che sa anche innalzarsi con martellamenti aggressivi e battaglieri che non interferiscono affatto con le atmosfere sinistre che sprigiona il disco; anzi, i colpi riescono ugualmente a mantenersi su una linea tenebrosa e atra.
L’ennesimo tallone d’Achille di questo disco si riscontra nel cantato di Ugo Bellisai che sicuramente si sposa molto bene con le tonalità e le tematiche dell’album ma l’eccessiva introduzione del sound del sintetizzatore la rendono fin troppo “sporca”, aspra, scostante ed a tratti incomprensibile e fin troppo “artificiale”.
Insomma, il disco I’m Gold, I’m God è un lavoro sicuramente da apprezzare per chiunque bazzichi nella scena del doom/gothic metal e la band è composta da musicisti che hanno una certa stoffa ma è da folli negare che le sonorità troppo pronunciate del sintetizzatore non offuschino la prestazione dei rimanenti strumenti musicali andando a rovinare anche la qualità di tutto l’album.
Si spera che in un futuro non troppo lontano, L’Alba di Morrigan riesca a regalarci un album migliore e di essere all’altezza di meritare giudizi positivi da parte della critica facendo riconoscere il loro talento che, nonostante tutto, non gli manca affatto.

Track by Track
  1. Satya Yuga 70
  2. I Fiumi di Rosso Sangue 75
  3. Where Everything We Know Begins And Ends 75
  4. I'm Lucifer 75
  5. I'm Gold, I'm God 70
  6. Aiwass 75
  7. The Chant Of The Universe 70
  8. Kali Yuga 70
  9. Alpha Supernova 75
  10. The Voice Of Choronzon 75
  11. Rosa Mundi 65
  12. Morrigan's Dawn 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 55
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Sabba Maledetto » pubblicata il 19.04.2022. Articolo letto 291 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.