Nightland «The Great Nothing» (2021)

Nightland «The Great Nothing» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
13.03.2022

 

Visualizzazioni:
324

 

Band:
Nightland
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nightland [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nightland

 

Titolo:
The Great Nothing

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Ludovico Cioffi :: vocals, guitar, orchestral arrangements;
- Brendan Paolini :: guitar;
- Filippo Scrima :: bass;
- Filippo Cicoria :: drums;

 

Genere:
Symphonic Death Metal

 

Durata:
33' 2"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
19.11.2021

 

Etichetta:
Scarlet Records
[MetalWave] Invia una email a Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Scarlet Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Epica e drammaticità è quanto caratterizza l’ultimo album dei Nightland, già in circolazione da qualche mese, e forte di un death metal sinfonico dettagliato e curato in ogni suo particolare. Forte di una buona produzione la band, nelle otto tracce pressate su “The Great Nothing”, offre un intenso spettacolo incentrato molto sulla particolarità e qualità, carte di solito vincenti per un genere come questo. Ciò che in sostanza caratterizza il disco, al di là di alternanze clean corali e un growl gutturale, è la buona dose ritmica che si alterna continuamente a stacchi e passaggi assai curati offerti dal synth attraverso ambientazioni sonore ben studiate e concepite. In ogni caso, il clima proposto è assai oscuro, quasi drammatico, dove massicci arrangiamenti orchestrali condizionano non poco l’intensità sviluppata dalla struttura delle singole tracce: in effetti, i Nightland, come anche si può ben comprendere dall’artcover di questo lavoro, ispirano la loro intensa dose oscura all’interno di viaggi straordinari e simbolismi cosmici di ispirazione astrale che da sempre hanno affascinato l’uomo. Ogni singolo brano ha la propria identità, inclusi anche i tre capitoli che si articolano con l’omonimo titolo dell’album, in cui troviamo le più compatte e svariate sfaccettature artistiche, probabilmente le migliori, in cui la band dà piena prova di una indiscussa maturazione compositiva. Un disco da avere e apprezzare.

Track by Track
  1. The Conjunction of Benetnash 80
  2. For Once My Name 80
  3. Shade of a Lowering Star 80
  4. Further 85
  5. 101 Megaparsecs 80
  6. The Great Nothing pt. 1 Of Seeking and Straying 85
  7. The Great Nothing pt. 2 The Reliever 85
  8. The Great Nothing pt. 3 Pursuers of Absolution 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
83

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 13.03.2022. Articolo letto 324 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.