Dusk of Delusion «World At War» (2021)

Dusk Of Delusion «World At War» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
19.07.2021

 

Visualizzazioni:
136

 

Band:
Dusk of Delusion
[MetalWave] Invia una email a Dusk of Delusion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dusk of Delusion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dusk of Delusion

 

Titolo:
World At War

 

Nazione:
Francia

 

Formazione:
- Matthieu Morand :: Guitar;
- Julien Skorka :: Vocals, Bass
- Benoit Guillot :: Vocals
- Claude Colmars :: Vocals, Guitar;
- Natan Gengenbacher :: Drums;

 

Genere:
Metal

 

Durata:
22' 18"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
19.03.2021

 

Etichetta:
Fantai'zic Productions
[MetalWave] Invia una email a Fantai'zic Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Fantai'zic Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fantai'zic Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Con un metal decisamente propositivo i francesi Desk Of Desolution ci presentano il loro Ep a cinque piste “World At War” con contenuti pastosi e notevoli sia sotto l’aspetto delle idee sia soprattutto nel sound che, pur mantenendosi graffiante, non perde mai la propria vena più melodica. A rendere il tutto ancor più interessante è anche il clean che si mantiene su contesti di tanto in tanto più acerbi ma sempre ben all’altezza della situazione. Riff potenti e compattezza sonora offrono soluzioni potenti a cominciare dalla buona “Slain In The Desert” un brano dalle più diverse andature e forte di un buon ritornello cantato e suonato; meno intensa della prima è poi “So Long Atlas”, altro brano che assume rilievo per l’ottimo sound e per i ritornelli sempre orecchiabili e mai blandi o scontati; l’ascolto prosegue poi con “Stars And Stripes”, un brano impostata un po’ alla Slipknot ma che in definitiva rende apprezzabili i contenuti per l’immancabile determinazione che caratterizza la politica della band; è poi la volta di “Idolatry For Aversion” che indicativamente si mantiene sulle linee del suo predecessore; conclude l’Ep “In The Army Now” brano decisamente moderato nei contenuti e ricchissimo di melodie che non tarda a mettere in evidenza, ancora una volta, i molti pregi e i pochissimi difetti insiti nella natura di questa band.

Track by Track
  1. Slain In The Desert 75
  2. So Long Atlas 75
  3. Stars And Stripes 70
  4. Idolatry For Aversion 70
  5. In The Army Now 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 19.07.2021. Articolo letto 136 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.