Stigmatized «...A Wall Of Falseness» (2020)

Stigmatized «...a Wall Of Falseness» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
15.06.2020

 

Visualizzazioni:
230

 

Band:
Stigmatized
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Stigmatized

 

Titolo:
...A Wall Of Falseness

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Francesco Nano :: Vox
Leonardo Lantini :: Guitars
Matteo Perra :: Guitars
Marco Soggiu :: Bass, Vox
Lorenzo Balia :: Drums

 

Genere:
Grindcore / Powerviolence / Hardcore

 

Durata:
14' 43"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
29.05.2020

 

Etichetta:
Fresh Outbreak Records
[MetalWave] Invia una email a Fresh Outbreak Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fresh Outbreak Records
Italian Extreme Underground
[MetalWave] Invia una email a Italian Extreme Underground [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Italian Extreme Underground
Impeto Records
[MetalWave] Invia una email a Impeto Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Impeto Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Impeto Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mani In Faccia Promotion
[MetalWave] Invia una email a Mani In Faccia Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mani In Faccia Promotion

 

Recensione

Un full length di poco meno di 15 minuti? Sì se fai Grindcore con cospicue dosi di Hardcore e talvolta anche un po’ di death, per un risultato che va a suonare un po’ nello stile Extreme Noise Terror, ma che perlopiù si fa notare per le sue tendenze HC già nella opener, e che proseguono nel terzo e nel quarto brano, tra gli altri. Tuttavia, è quando gli Stigmatized vanno a suonare lenti e con influenze doom che spaccano davvero, andando a suonare sinistri con poche note senza troppi abbellimenti, e non mancano gli attacchi belluini di “F1” o “Stigamtized corpses”, e il groove ruggente di “Parasitic Evolution”. Il tutto per un risultato forse un po’ troppo succinto e che davvero poteva sprecarsi di più in minutaggio, ma che anche così ci mostra perfettamente di cosa sono capaci gli Stigmatized.
Se il grindcore è il vostro stile e le release molto corte non sono per voi un problema, provate a dare una chance a questi Cagliaritani, tanto più se anche il doom è un genere che apprezzate in particolare.

Track by Track
  1. Hidden behind a wall of falseness 70
  2. Man is war 75
  3. Stigmatized corpses 75
  4. Mass graves 70
  5. No control over our identity 75
  6. Slaves of ourselves 75
  7. Life sucks and then you die 70
  8. The one who suffers 65
  9. F1 70
  10. Parasitic evolution 75
  11. Apathy 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 15.06.2020. Articolo letto 230 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.