Kani «Trouble» (2019)

Kani «Trouble» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
26.03.2020

 

Visualizzazioni:
457

 

Band:
Kani
[MetalWave] Invia una email a Kani [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Kani [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Kani

 

Titolo:
Trouble

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- LISPIO :: bass;
- DANY :: guitar;
- CIB :: drums;
- NIK :: shouter;
- CICCIO :: roadie-driver-cashier;

 

Genere:
Speed Rock

 

Durata:
33' 13"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
25.10.2019

 

Etichetta:
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Volcano Promotion
[MetalWave] Invia una email a Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Promotion

 

Recensione

Giunti alla soglia del terzo disco i Kani, cambiata parzialmente la propria line up rilasciano questo “Trouble”, un disco che si mantiene sostanzialmente sulle medesima linea compositiva del precedente lavoro; il disco punta tutto ancora una volta sulla dinamica e sul divertentissimo mondo della band fatto di polveroso heavy punk rock, whiskey, donne e di tutto ciò che può ovviamente piacere infrangendo ogni regola. Riff cazzuti dinamiche e ritmiche sempre sulla cresta dell’onda sono in sostanza il contenuto del lavoro che, pur ispirandosi in molte sue parti al mito di Lemmy, danno in ogni caso l’idea del contenuto. Si parte a manetta con il trittico “Freestyle”, “Rotten Man” e “Crazy Boat” tanto per renderci conto del divertimento fatto sulla scia di un punk rockeggiante veloce e schietto; un buon hard rock è invece rappresentato da “Runnig Love” forte di una stravagante ritmica che lo caratterizza; niente male anche “Vagina Pectoris” e “Just For Fun” altre due divertentissime tracce che trascinano con facilità nel vortice dei distorti e del divertimento sfegatato. Lato quasi inedito per la band l’apertura southern di “Salary Days” in realtà poi un ennesimo rock punkeggiante molto melodico nei contenuti e che ci porta conduce all’ultimo brano suddiviso in tre distinte parti “Trouble I, II, III” una trovata della band a riprova della propria innata fantasia. Un lavoro complessivamente divertente che porta indubbiamente più ad elogi che a critiche.

Track by Track
  1. Freestyle 70
  2. Rotten Man 75
  3. Crazy Boat 70
  4. Running Wild 70
  5. Vagina Pectoris 70
  6. Just For Fun 70
  7. Die Fast 75
  8. Salary Days 65
  9. Trouble I S.V.
  10. Trouble II 60
  11. Trouble III 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 26.03.2020. Articolo letto 457 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.