Timestorm «Shades of Unconsciousness (2019 Remasters)» (2019)

Timestorm «Shades Of Unconsciousness (2019 Remasters)» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
26.02.2020

 

Visualizzazioni:
654

 

Band:
Timestorm
[MetalWave] Invia una email a Timestorm [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Timestorm [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Timestorm

 

Titolo:
Shades of Unconsciousness (2019 Remasters)

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Claudio Vattone :: vocals
Fabrizio Troiano :: guitar
Giuseppe Longo :: guitar
Marco Migliaccio :: bass guitar
Andrea De Carolis :: drums
Paolo Campitelli :: keyboards (live shows only, 2016-2018)

 

Genere:
Power / Prog Metal

 

Durata:
59' 27"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
31.05.2019

 

Etichetta:
Elevate Records
[MetalWave] Invia una email a Elevate Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Elevate Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Elevate Records

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe
SPV
[MetalWave] Invia una email a SPV [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di SPV

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Timestorm sono una band di Roma, fanno power metal e questo è l’unico full length che fecero 20 anni fa prima di sciogliersi, per ritornare nel 2010 ma senza aver pubblicato niente, fino ad ora, con la ristampa rimasterizzata del loro full length, chiamato “Shades of unconsciousness”. Ne è valsa la pena puntare su un album non certo fresco e dove anni di nulla discografico avranno sicuramente intaccato (per non dire annientato) la memoria di questa band? Secondo me, sì ma solo fino a un certo punto.
Il punto è infatti che “Shades...” non suona male, ma suona anche non molto a passo coi tempi, un po’ superato, che si fa notare nella buona title track con tastiere tipo Dream Theater del tempo e chitarre che riportano tutto su sonorità metal con fraseggi e assoli caratteristici, o con la buona “Labyrinth of dreams” più complessa e ricercata, passando per la barocca e ombrosa “The king and the rain”. Il problema sono le lungaggini che ogni tanto ammantano questi brani, alcuni cliché accettabili negli ultimi anni 90 – inizio anni 2000 ma oggi vetusti come la ballad totalmente acustica e troppo dolce chiamata “Away”, e uno stile che a volte si appoggia proprio ai grandi nomi power/heavy di quel periodo, come Helloween o Hammerfall. È anche vero che “Shades...” ha dalla sua il fatto di suonare anche vintage, poco o per nulla propenso alle tendenze troppo easy listening di questo genere del power attuale, nonché alle (odiatissime) canzoni adatte da sigla per dei cartoni animati giapponesi.
Insomma: i Timestorm non sono i Dragonforce e quindi si sente il buon vecchio power metal non commerciale di una volta, ma è anche vero che la loro proposta musicale suona un po’ datata e che comunque necessita di una rinfrescata in quanto a personalità. Se il power è il vostro genere preferito, “Shades of unconsciousness” potrebbe fare al caso vostro e potrebbe anche darvi un piacevole sound vintage, ma come detto, non aspettatevi neanche una gemma perfetta dimenticata.

Track by Track
  1. Lost in the net 70
  2. Shades of unconsciousness 70
  3. Catharsis 70
  4. Introspection - Intermezzo S.V.
  5. Labyrinth of dreams 75
  6. In the shadows 70
  7. Away 65
  8. The king and the rain 75
  9. Mother grace - Outro S.V.
  10. Labyrinth of dreams – bootleg 2016 S.V.
  11. Away – promo 1998 S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 26.02.2020. Articolo letto 654 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.