Embrace Of Disharmony «De Rervm Natvra» (2019)

Embrace Of Disharmony «De Rervm Natvra» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
07.12.2019

 

Visualizzazioni:
244

 

Band:
Embrace Of Disharmony
[MetalWave] Invia una email a Embrace Of Disharmony [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Embrace Of Disharmony [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Embrace Of Disharmony [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Embrace Of Disharmony

 

Titolo:
De Rervm Natvra

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Gloria Zanotti :: female vocals
Matteo Salvarezza :: male vocals, lead, rhythm guitar
Leonardo Barcaroli :: Bass
Emiliano Cantiano :: Drums

 

Genere:
Avantgarde Metal

 

Durata:
54' 52"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
07.06.2019

 

Etichetta:
My Kingdom Music
[MetalWave] Invia una email a My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di My Kingdom Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gran bel secondo album per i Romani Embrace of Disharmony che, a scapito di una copertina francamente ordinaria e di piccole cose tipo il nome della band un po’ dozzinale, riesce a confezionarci un ottimo esempio di crocevia tra il progressive metal e l’avantgarde.
Le influenze dell’avantgarde si rispecchiano sin dall’intro, con un mood minaccioso che però ben presto lascia spazio a un sound che va a ricordare i Solefald di “Neonism” per quanto riguarda l’uso delle voci, e che successivamente da qui in poi si lancia in un prog metal dal sound stellare, barcamenato con l’astrattezza compositiva dell’avantgarde e che raramente sfocia nel metal estremo. Appare stupefacente da qui in poi come gli EoD con questi due generi ci palleggiano come vogliono, esaltandosi in una bella “De infinitate Orbium” che mescola alla grande (anche troppo) i due generi, e anche in una altrettanto buona “De pavore mortis”, senza contare la più diretta e tipicamente metal “De captionibus amoris”, ideale per una introduzione a questo disco e necessaria, visto che il secondo brano (cioè il primo vero) non è facile da assorbire sin da subito per una certa complessità e la sua elevata durata di oltre 10 minuti.
Ne risulta un album molto intelligente, dove la tastiera la fa da padrone (anche se curiosamente non c’è un tastierista in formazione), semmai ben coadiuvata da una chitarra solista sempre a tiro quando serve, e che stupisce per la personalità del sound, semmai con l’unico difetto che a volte la band tende a strafare e a esagerare peccando di autoreferenzialità, allungando un po’ troppo certe canzoni per autocompiacimento o mettendo una parte dubstep nel quarto brano francamente un po’ forzata, nonché proponendo alcuni cliché come le parti recitate in latino, che sinceramente potranno anche cercare di suonare profonde, ma a me ricordano solo io quando andavo in classe alle superiori. Ma quando la classe è tanta, possiamo anche non fare tanto caso a queste cose, e così riusciamo comunque ad apprezzare quest’album, davvero consigliato a chi cerca un metal a metà tra prog e avantgarde, nonché da chi cerca metal intelligente in generale.

Track by Track
  1. Prohoemivm – Lavdatio Epicvri S.V.
  2. De Primordiis Rervm 75
  3. De Motv Primoriorvm Rervm 75
  4. De Infinitate Orbivm 80
  5. De Mortalitate Animae 80
  6. De Pavore Mortis 80
  7. De Captionibvs Amoris 80
  8. De Formatione Orbis 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 07.12.2019. Articolo letto 244 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.