Fister «Decade of Depression» (2014)

Fister «Decade Of Depression» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
18.09.2019

 

Visualizzazioni:
228

 

Band:
Fister
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fister [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Fister [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Fister

 

Titolo:
Decade of Depression

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
- Kenny Snarzyk ::
- Kirk Gatterer ::
- Marcus Newstead ::

 

Genere:
Doom / Sludge / Stoner Metal

 

Durata:
47' 8"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
27.09.2019

 

Etichetta:
Listenable Records
[MetalWave] Invia una email a Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Listenable Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli americani Fister rilasciano questo “Decade Of Depression” in maniera quasi inedita e tenendo conto che oramai a questo punto della propria lunga carriera è necessario sfornare un disco di cover. In effetti la band, più nota per le proprie attitudini stoner, sludge, doom metal , decide di reinterpretare, secondo il proprio modus operandi, otto tracce che spaziano dai Metallica agli Slayer sino ai Darkthrone omaggiandoci comunque di un inedito intitolato “The Failure”. Il clima che si respira indubbiamente non è il classico dei brani in esame, fatto come noto nei più disparati generi tra cui heavy, black, death e thrash metal, ma un contesto molto lento, lavico e melmoso da cui difficilmente l’ascoltatore riesce a districarsi. Sonorità cupe e basse ed un assetto spesso impastato da effetti, forgia un vortice compatto ma allo stesso tempo personalizzato dove la curiosità è sempre pronta ed in attesa della sorpresa di come la band interpreterà questo o quel brano. L’aspetto in cui compaiono le cover è decisamente inedito e assolutamente entusiasmante anche se un po’ spesso il classico sound del doom sludge tende un po’ a smorzare gli entusiasmi ma nel caso dei Fister le cose sono diverse proprio per la personale dote che rende sempre viva e piacevole la soluzione adottata. Da ultimo, il brano inedito offerto dal combo americano intitolato “The Failure”, aggressivo e lento, pacato che rimarca ben in fondo tutta la determinazione che ha caratterizzato e che continuerà a caratterizzare, come anche in questo capitolo, la capacità e l’indole di questa band che ancora una volta è ben riuscita ad entusiasmarci.

Track by Track
  1. City Of The Living Dead (Fabio Frizzi) 75
  2. For Whom The Bell Tolls ( Metallica) 75
  3. Mandatory Suicide (Slayer) 75
  4. Too Old Too Cold ( Darkthrone) 75
  5. How The Gods Kill (Danzig) 75
  6. Reaper (Hellhammer) 75
  7. And Only Hunger Remains (Punget Stench) 75
  8. The Failure 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 18.09.2019. Articolo letto 228 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.