Shenanigans «Muta in Potenza» (2018)

Shenanigans «Muta In Potenza» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
06.10.2018

 

Visualizzazioni:
217

 

Band:
Shenanigans
[MetalWave] Invia una email a Shenanigans [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Shenanigans [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Shenanigans [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Shenanigans

 

Titolo:
Muta in Potenza

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Macina :: voce;
- Panco :: chitarra;
- Berto :: basso;
- Tom :: batteria;

 

Genere:
Thrash Metal

 

Durata:
20' 58"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Eartquake Terror Noise
[MetalWave] Invia una email a Eartquake Terror Noise [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Eartquake Terror Noise [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Eartquake Terror Noise

 

Distribuzione:
Punishment 18 Records
[MetalWave] Invia una email a Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Punishment 18 Records

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Da Parma, esordiscono con un certo stupore questi Shenanugans con il disco “Muta In Potenza”, un thrash metal diretto come un missile, cantato in lingua madre che in appena venti minuti di ascolto spara a cannone ritmiche accelerate e riff ignoranti senza risparmiarsi tra novità e dando impressione di padronanza in materia. Il combo si caratterizza per riuscire senza la benché minima ripetizione, a forgiare un disco di spessore anche grazie alla buona produzione che ne impacchetta al meglio i contenuti; il cattivo scream che si caratterizza dall’inizio alla fine, si svincola al meglio tra le corpose maglie ritmiche fatte di repentini mutamenti ritmici che non facilmente si dimenticano. Or dunque, prepotenza e determinazione fanno di questo disco un buon prodotto su cui fare affidamento senza il benchè minimo dubbio a cominciare dalla ritmica coesa e ben distribuita di “Muta Impotenza”, brano d’apertura che rilascia anche qualche venatura appena punk; un thrash infuocato dall’inizio alla fine è “Cammini Disgregati” caratterizzato da paggi alternati più o meno dinamici ma pur sempre grintosi; anche “Io non esisto” e il successivo “Bambino Soldato” il primo con un quadro compositivo ben determinato, mentre il secondo dall’apertura oscura e melodica poi sfociata in una nuova forsennata andatura; “Assenza di Eroi”, nei suoi due minuti scarsi, presenta invece la vera attitudine della band a saper realizzare e comporre con semplicità brani estremamente potenti e cazzuti; più moderata è l’apertura di “Dioscuri” poi nuovamente protesa ad accelerazioni significativamente interessanti sempre alternate con annesse moderate altrettanti ritmiche; anche i conclusivi “Alfa 3” e “Senza Pace Senza Amore” offrono lo schema oramai ben collaudato di determinatezza e annessa cattiveria; un esordio interessante che presenta nella scena dell’underground nazionale una band di tutto rispetto pronta in grado di affrontare ogni sfida.

Track by Track
  1. Muta Potenza 75
  2. Cammini Disgregati 75
  3. Io non Esisto 75
  4. Bambino Soldato S.V.
  5. Assenza di Eroi 75
  6. Dioscuri 70
  7. Alfa3 75
  8. Senza Pace Senza Amore 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 06.10.2018. Articolo letto 217 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.