Running Death «DressAge» (2017)

Running Death «Dressage» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
17.06.2017

 

Visualizzazioni:
385

 

Band:
Running Death
[MetalWave] Invia una email a Running Death [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Running Death [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Running Death [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Running Death [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Running Death [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Running Death [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Running Death

 

Titolo:
DressAge

 

Nazione:
Germania

 

Formazione:
- Simon Bihlmayer :: Vocals, Guitars;
- Jakob Weikmann :: Drums;
- Daniel Baar :: Guitars;
- Andrej Ramich :: Bass;

 

Genere:
Thrash Metal

 

Durata:
45' 56"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.05.2017

 

Etichetta:
Punishment 18 Records
[MetalWave] Invia una email a Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Punishment 18 Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
MetalMessage
[MetalWave] Invia una email a MetalMessage [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di MetalMessage [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di MetalMessage [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di MetalMessage [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di MetalMessage

 

Recensione

I tedeschi Running Death tornano sulle scene a distanza di tre anni dal loro full lenght d’esordio presentandoci un altro discreto quanto piacevole lavoro come questo “DressAge” dove dieci tracce si susseguono per quarantacinque minuti di ascolto a suon di thrash metal diretto ma allo stesso tempo decisamente classico nei contenuti; indubbiamente quello che va sottolineato è che la band si diletta nel corso dell’ascolto ad inserire nei brani anche andature spesso speed, power metal che ovviamente non tolgono mai le luci dal sipario al caratteristico thrash. Cambi repentini di tempo, ritmiche varie e sorprendenti nei contenuti offrono un ascolto tutto da invidiare per la sinergia della band; non mancano oltretutto passi più melodici che spezzano in sostanza le ritmiche grintose sopra descritte; il clean tende a non andare mai oltre le proprie possibilità assumendo connotati diversi, talvolta in modalità più aspra e altre volte più propenso al classico scream un po’ rauco nella risoluzione. Dopo l’apertura del disco affidata a “Courageous Mind”, un brano particolarmente propenso al thrash ma di derivazione power, si assiste ad buon “Dressage”, da evidenziare per i suoi particolari richiami alle melodie con la sua partenza entusiasmante e ricca di ritmiche da capogiro; “Delusive Silence” e la successiva “Heroes of the Hur” rappresentano, il primo, un brano eccezionale nei contenuti sia per il riff d’aperura che per le folli quanto tecniche ritmiche di batteria, mentre il successivo si orienta su un qualcosa di decisamente più moderato; “Duty of Beauty” offre nuovi entusiasmi per la componente ritmica che alterna passaggi più moderati a splendide accelerazioni; “Safety Second” si rileva in apertura particolarmente malinconico nei contenuti, anche nel clean, per poi orientarsi su un qualcosa che somiglia più ad un metal moderno ma pur sempre lento; chiude il disco “Refuse to Kill” una vera bomba ad orologeria tutta da ascoltare per il suo innovativo thrash non privo di influenze derivante da altri generi. Il lavoro si rileva incisivo nei contenuti ed offre un modello strutturale vario ed estremamente tecnico; un buon acquisto…se volete.

Track by Track
  1. Courageous Mind 70
  2. Dressage 75
  3. Delusive Silence 70
  4. Heroes Of The Hour 65
  5. Duty of Beauty 70
  6. Numbers 70
  7. Beneath the Surface 70
  8. Anthem of Madness S.V.
  9. Safety Second 75
  10. Refuse to Kill 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 17.06.2017. Articolo letto 385 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.