daRKRam «Stone And Death» (2017)

Darkram «Stone And Death» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
05.03.2017

 

Visualizzazioni:
561

 

Band:
daRKRam
[MetalWave] Invia una email a daRKRam [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di daRKRam

 

Titolo:
Stone And Death

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Ramon Moro :: trumpet, flugelhorn, music, ambience

 

Genere:
Dark Ambient Black Metal

 

Durata:
1h 9' 3"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.02.2017

 

Etichetta:
Club Inferno
[MetalWave] Invia una email a Club Inferno [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Club Inferno [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Club Inferno [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Club Inferno [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Club Inferno

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ad immergerci nell’inconscio più tetro ed oscuro della mente umana ci pensa darKRam con questo suo progetto dark ambient immerso nel più tetro black metal. La one man band torinese capitanata per l’appunto dall’autore darKRam, genera un insieme di sonorità tra trombe, synth e quant’altro riuscendo a transitare l’ascoltatore all’interno di catastrofici fenomeni naturali dove solitudine, silenzio depressione più totale riescono a trasmettere un senso di isolamento dal mondo reale. Gli otto brani proposti risultano tutti strumentali dove, a regnare sull’inconscio umano terrorizzandolo e deprimendolo al meglio, ci pensano le realizzate atmosfere degne dei luoghi più oscuri e tetri. Complessivamente l’ascolto si rileva toccante sotto alcuni profili se si considera l’impatto emotivo del buio e dell’oscurità che può indurre nell’ascoltatore più sensibile attraverso il generarsi di atmosfere rarefatte che si concludono con l’assalto del silenzio che regna in alcuni passaggi sovrano. Incredibile il gioco d’effetti che vengono a generarsi con l’utilizzo della tromba, suonata direttamente dall’autore nel brano “XII Conflict”. Il disco ricorda con molta facilità due capitoli usciti oltre vent’anni fa di Neptune Towers per i quali le incredibili atmosfere pregne tra dark e black metal ben riuscivano a condurre l’ascoltatore al di là dello spazio e del tempo; in questo caso però forse l’autore si dilunga un po’ troppo in alcuni passaggi rendendoli a tratti sin troppo monotoni.

Track by Track
  1. VIII [Inner Need] 65
  2. XXII [Equilibrium] 70
  3. VI [Male Role] 70
  4. II [Reaction to Conflict] 70
  5. X [Connection] 70
  6. XII [Conflict] 65
  7. III [Evolution] 70
  8. XVI [Work] 70
  9. V [Inner Essence] Line 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 05.03.2017. Articolo letto 561 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.