Dark Quarterer «Dark Quarterer - XXV Anniversary» (2012)

Dark Quarterer «Dark Quarterer - Xxv Anniversary» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
28.01.2015

 

Visualizzazioni:
1290

 

Band:
Dark Quarterer
[MetalWave] Invia una email a Dark Quarterer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dark Quarterer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dark Quarterer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Dark Quarterer

 

Titolo:
Dark Quarterer - XXV Anniversary

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Gianni Nepi :: Bass, Vocals
Francesco Longhi :: Keyboards
Francesco Sozzi :: Guitars
Paolo Ninci :: Drums

 

Genere:
Epic / Progressive Metal

 

Durata:
48' 25"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:
MyGraveyard Productions
[MetalWave] Invia una email a MyGraveyard Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di MyGraveyard Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di MyGraveyard Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di MyGraveyard Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione

Sono ormai 32 anni che i Dark Quarterer sono nelle scene, e decidono di ritornare sulle scene risuonando il loro primo album, che nel 2012 ha compiuto 25 anni, ma che solo adesso ci giunge in redazione.
Che dire: fondamentalmente, se già conoscete i DQ, saprete già cosa aspettarvi: una musica più prog che heavy metal, della quale dicono tutto sia l’opener “Red hot gloves” che la conclusiva “Dark Quarterer”, dove la prima apre con una tastiera sontuosa e che poi evolve solo in seguito con una fuga più heavy metal barocca variegata ed elegante, mentre l’altra alterna stacchi più introspettivi a parti più heavy metal, il tutto per soli 6 brani che però arrivano a 48 minuti senza quasi che te ne accorgi, dove la musica parla per sé e ti accompagna in un viaggio tra queste due componenti del sound del gruppo di Piombino, a volte che suona massivamente neoclassico come nella strumentale “The ambush”, e altre che invece tirano fuori un brano come “Gates of hell” quasi da inno all’inizio, ma che poi evolve in maniera rimarcabile nella seconda metà dell’album, il tutto su di un cantato notevole, che non ha perso un grammo della sua efficacia.
“Dark Quarterer” non è un album bello perché è ben fatto o ben suonato, ma per il suo valore storico dell’heavy metal italiano dato sin dal 1987, quando pochi, se non pochissimi, in Italia facevano questa musica ed erano visti come dei drogati da emarginare. Ora avete la possibilità di far vostro un pezzo storico del metal italiano. Che ne dite, ne vale la pena?

Track by Track
  1. Red hot gloves 75
  2. Colossus of argill 75
  3. Gates of hell 75
  4. The ambush 75
  5. The entity 75
  6. Dark quarterer 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 28.01.2015. Articolo letto 1290 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.