Giulio Rossi «Second Act» (2013)

Giulio Rossi «Second Act» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Barbaro »

 

Recensione Pubblicata il:
26.02.2014

 

Visualizzazioni:
934

 

Band:
Giulio Rossi
[MetalWave] Invia una email a Giulio Rossi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Giulio Rossi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Giulio Rossi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Giulio Rossi

 

Titolo:
Second Act

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Stefano Firmani Voce
Aldo Caprini Voce
Alessandro Zephyr Voce
Max Evangelisti Voce, basso
Frank Marino Voce
Giulio Rossi Chitarra, Tastiere
Cristian Susanna Tastiere
Alex Silvestrelli Tastiere
Francesco Briotti Tastiere
Joe Chircchirillo Basso
Emilian Catalano Batteria

 

Genere:
Hard Rock / Metal

 

Durata:
37' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
17.08.2013

 

Etichetta:
New LM Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di New LM Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Second Act, il lavoro solista e interamente autoprodotto di Giulio Rossi, prende a piene mani dalla musica di Malmsteen e, di conseguenza, rientra in una tipologia di ascoltatore che o ama o odia questo genere. Il disco che comunque spazia anche oltre i canoni malmsteeniani arrivando a toccare le sonorita' di artisti come Blackmore e Vinnie Moore, e' stato curato sotto ogni aspetto dallo stesso Giulio Rossi a partire dall'artwork. Ha anche raccolto una moltitudine di cantanti e musicisti e, soprattutto, ha grosse capacita' esecutive, dote direi indispensabile per questo genere.
Il problema del disco, a mio parere, e direi l'unico, e' la mancanza di originalita' nella composizione, originalita' che potrebbe rimanere tale anche se chi scrive traesse spunto da altri artisti, farsi influenzare ma non soffocare dando l'idea, nelle produzioni personali, di avere poche idee e di dover per forza sfruttare quelle di altri.
Second Act parte molto bene con l'intro 'Second Act Prelude' e con una piacevole "Comes a Time'. 'Anything Makes Me Blind' ha un bell'assolo. Interessante anche 'Classic Fire' e 'Electric Caprice Orchestra' e il vero e proprio tributo con 'Rising Force'.
In definitiva 'Second Act' non e' brutto ma, come ho già' detto, non porta nulla di nuovo con se.

Track by Track
  1. Second Act Prelude 70
  2. Comes a Time 65
  3. Anything Makes Me Blind 60
  4. Dream to Open Eyes 60
  5. Stazzema Victims of Horror 60
  6. Classic Fire 60
  7. Before the Light 60
  8. Electric Caprice Orchestra 65
  9. Rising Force 65
  10. Passion at sunset 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
63

 

Recensione di Barbaro » pubblicata il 26.02.2014. Articolo letto 934 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.