V. «Fell From Grace» (2013)

V. «Fell From Grace» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
30.01.2014

 

Visualizzazioni:
1802

 

Band:
V.
[MetalWave] Invia una email a V. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di V. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di V.

 

Titolo:
Fell From Grace

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Valerio Lanieri :: Guitar & Vocals
Filippo Capponi Brunetti :: Bass
Alessio Silvioli :: Drums

 

Genere:
Boner Rock

 

Durata:
47' 29"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
24.08.2013

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Debutto discografico per gli spoletini V, band che con questo album arriva al debutto discografico e che propone uno stoner rock abbastanza d’impatto nonostante l’ascolto sia scoraggiato da un nome della band poco significativo, da una copertina altamente scoraggiante (pare un pezzo di un giornale tipo panorama) e da un intro strumentale in pieno stile western che francamente non capisco cosa c’entra col resto dell’album.
Detto questo, l’ascolto scorre abbastanza liscio, la band non ha intoppi e quando si butta in digressioni musicali tipo gli Zippo di “The road to knowledge” in “Fell from grace” i risultati sono molto buoni, per poi riprendersi con attacchi più rockeggianti, che gli zippo nelle loro canzoni non mi hanno fatto sentire. Sugli scudi anche “The king”, più rocciosa e abrasiva e “Friends with misfits”, mid tempo e orecchiabile. Discreta l’intonazione della voce, che trovo a volte un po’ sforzata ma che comunque rende sulle timbriche più pulite.
Detto questo, l’unico difetto dei “Fell from grace” è dato dal fatto che è acerbo. A parte i dettagli già espressi, l’opener “Endless nights” non è proprio adatta a questo ruolo e mi sa di impacciata nell’assolo, mentre “Forever gone” la sento ancora un po’ impiastrata col metal e per questo meno personale. Poco significative “Asinaria”, ballad per chitarra acustica e voci e la canzone conclusiva, che non mi ha lasciato niente.
Insomma: disco di debutto con tutti i pregi e i difetti. I V sembrano avere qualche carta da giocare, ammesso che crescano in quanto a personalità. Essendo il disco scaricabile da bandcamp, il rapporto qualità prezzo è eccellente ed è facilmente consigliabile un ascolto a tutti.

Track by Track
  1. The good the bad and the whore 55
  2. Endless nights 65
  3. Forever gone 65
  4. Fell from grace 75
  5. The king 70
  6. Friends with misfits 70
  7. Failbait 65
  8. Asinaria 60
  9. Henrietta Boned 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
63

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 30.01.2014. Articolo letto 1802 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.