Hyperdump «Syncretism» (2013)

Hyperdump «Syncretism» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
02.01.2014

 

Visualizzazioni:
472

 

Band:
Hyperdump
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Hyperdump [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Hyperdump [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Hyperdump [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Hyperdump [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Hyperdump

 

Titolo:
Syncretism

 

Nazione:
Francia

 

Formazione:
Vocals :: Ws
Guitars :: Holyv
Bass :: Sly
Drums :: Guillaume

 

Genere:
Metal

 

Durata:
21' 11"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
10.06.2013

 

Etichetta:
Klonosphere Records
[MetalWave] Invia una email a Klonosphere Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Klonosphere Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Poco da dire: sì, I francesi Hyperdump avranno pure un nome ridicolo (dump in inglese può significare anche defecare...), possono essere un mix meno efficace degli Strapping Young Lad coi ritornelli puliti e Faith no More ed essere meno intensi, ma picchiano forte. I 5 brani proposti in questo “Syncretism” sono brani di una band che pur facendo parte del metal col suffisso “core”, mena alquanto. Perché i muro sonoro è dinamico, potente e possiede dei grooves invidiabili, evidentissimi nella grande “Hyperdump”, aggressiva e parecchio violenti, oltre all’attacco di “Across a pathway” in pieno stile Meshuggah, che poi però sa anche riprendersi con un buon attacco frontale che colpisce come si deve, e sono tra l’altro questi i due highlights di un EP che mostra una band con le carte in regola, probabilmente corroborata da una produzione pompata e muscolosa, che da impatto anche nelle parti lente, che a dire la verità sono un bel po’. Il lato negativo è che, per l’appunto, è proprio quando i nostri francesi si avvicinano allo stile musicale dei loro numi tutelari che escono un po’ sconfitti, perché non hanno la stessa potenza. Dove invece si esaltano maggiormente è proprio quando vanno per la propria strada, come nelle composizioni suddette. Peccato solo per una copertina veramente svogliata.
In generale, comunque, pur se non del tutto perfetto, questa band è del tutto raccomandata per i fans del metal più moderno e “core”, che per tecnica e alcune idee di spessore riesce a colpire nel bersaglio. Il voto è tirchio perché si tratta pur sempre di un EP, ma se il genere proposto da questa band è il vostro preferito, aggiungete dieci punti al voto lì sotto.

Track by Track
  1. Welcome my boy 65
  2. So tired 65
  3. Across a pathway 75
  4. Fake 70
  5. Hyperdump 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
67

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 02.01.2014. Articolo letto 472 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.