Di'Aul «EP II» (2024)

Di'aul Ep Ii | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
30.06.2024

 

Visualizzazioni:
155

 

Band:
Di'Aul
[MetalWave] Invia una email a Di'Aul [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Di'Aul [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Di'Aul [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Di'Aul

 

Titolo:
EP II

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Cosimo A. Cinieri :: Vocals;
- Daniele Mella :: Guitars;
- Andrea Ornigotti :: Drums;
- Carlo Tomaiuolo :: Bass

 

Genere:
Doom Metal / Stoner Metal / Sludge

 

Durata:
10' 8"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
07.06.2024

 

Etichetta:
MooDDoom Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Sono solamente due le tracce di questo “Ep II”, seconda uscita per la doom metal band dei Di Aul a circa due anni di distanza dal rilascio del loro disco “Abracamacabra”; appena dieci minuti di ascolto segnano il contenuto del lavoro che, in verità, segnerebbe l’anteprima per l’ipotetica uscita del nuovo album “EvAAvE” in programma per il corrente anno! In ogni caso, le uniche due nuove tracce oggi in disamina, si presentano intense e profonde, caratteristiche del genere lento e moderato così come già interpretato dalla band; i distorti, differentemente dal solito, risultano molto nitidi e, come tali, da offrire una maggiore attenzione alle piccole particolarità di cui si fregiano entrambi i brani. Entrambi, forti di un caldo clean con qualche venatura più marcata, a cominciare da “Azazel”, la proposta si presenta apprezzabile, un riff in apertura che si propaga per poco più di quattro minuti ma pur sempre in grado di offrire buoni spunti; la seconda traccia invece, “Golgotha”, appare ancor più melodica della precedente ed offre passaggi acustici che, in alcuni contesti, offrono più una situazione ambient molto ben fatta. Una prova che, pur essendo un po’ scarna di brani, denota un’attitudine a saper offrire un valido prodotto; magari, nel rimanere nel frattempo in attesa dell’uscita di un nuovo disco, ascolteremo ripetutamente queste due tracce che, nella loro indole, riescono comunque a fare colpo sull’ascoltatore.

Track by Track
  1. Azazel 70
  2. Golgotha 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 30.06.2024. Articolo letto 155 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.