Karma «K3» (2023)

Karma K3 | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
25.09.2023

 

Visualizzazioni:
811

 

Band:
Karma
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Karma [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Karma

 

Titolo:
K3

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- David Moretti :: voci, chitarre acustiche, elettriche, e baritono, keys, piano, rhythm and orchestral programming;
- Andrea Viti :: basso 4, 5, 12 corde, moog, electronics;
- Diego Besozzi :: Batteria;
- Alessandro Pacho Rossi :: Percussioni;
- Andrea Bacchini :: chitarra ritmica (3,8), chitarra solista (2,3), chitarra acustica (5);

 

Genere:
Rock

 

Durata:
49' 8"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
27.10.2023

 

Etichetta:
Vrec Music Label
[MetalWave] Invia una email a Vrec Music Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Vrec Music Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Vrec Music Label

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe

 

Agenzia di Promozione:
Davvero Comunicazione
[MetalWave] Invia una email a Davvero Comunicazione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Davvero Comunicazione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Davvero Comunicazione

 

Recensione

Il ritorno sulla scena underground nazionale dei Karma, viene inaugurato con l’uscita del singolo “Goliath”, brano facente parte del nuovissimo, terzo album rilasciato dalla rock band milanese intitolato “K3”, un disco con il quale la stessa band ha voluto mettere in evidenza la fragilità del mondo, recente vittima del cortocircuito cagionato dalla pandemia. Il nuovo lavoro offre un ventaglio artistico di un certo spessore, la band, attraverso un candido e accurato lavoro ritmico, genera un contesto musicale delicato ma allo stesso tempo ricco di energia, proteso in una incessante alternanza creativa proprio a riprova la varietà e dell’inconsapevole fragilità dell’esistenza. L’espressività del clean abbraccia lo spirito e il sentimento dei Karma in questo nuovo lavoro ricco di tantissime melodie dove il rock, con il suo tocco delicato ed irruento, fa tutto il resto. L’ascolto evidenzia ancora una volta la preparazione artistica della band, da trent’anni sulla scena nazionale, sempre attenta alla cura di ogni dettaglio che spazia dai distorti alle parti acustiche, alle ritmiche sino a quelle più delicate; ciò che colpisce del disco, al di là dell’ottima produzione è l’onnipresente sinergia che rende in una simbiosi perfetta tutta la band, ciascuno con la propria parte pronto ad esternare nella maniera migliore il sentimento che lo caratterizza. Il rock alternativo dei Karma ha in ogni caso dell’incredibile: anche rispetto all’ultimo disco “Astronotus”, rilasciato nel lontano 1996, con cui la band metteva in evidenza il proprio estro attraverso un rock forse più incisivo anche per i tempi, oggi li ritroviamo qui con un qualcosa di moderno che segna anche la propria maturità di fronte agli impatti che hanno condizionato ogni forma di rapporto tra l’uomo e l’ambiente circostante. I dieci brani, come sopra accennato, rappresentano tutto questo attraverso l’insieme di quegli elementi, siano essi essenziali o minimali, ma che comunque offrono coerenza al tutto senza ma o perché. Il disco è indubbiamente la prova migliore della carriera discografica dei Karma e la scelta effettuata per il loro “K3” segna compiutamente il massimo livello della propria linea espressiva.

Track by Track
  1. K3 80
  2. Neri Relitti 80
  3. Corda Di Parole 85
  4. Luce Esatta 85
  5. Abbandonati A Me 85
  6. Atlante 85
  7. Goliath 85
  8. Il Monte Analogo 80
  9. Ophelia 85
  10. Eterna 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
83

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 25.09.2023. Articolo letto 811 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.